lunedì 27 febbraio | 01:15
pubblicato il 12/mar/2011 18:59

In Italia si riapre lo scontro sul nucleare. Il Governo va avanti

Pd-Idv-Verdi-Sel:Stop a centrali.Prestigiacomo:Polemiche macabre

In Italia si riapre lo scontro sul nucleare. Il Governo va avanti

Roma, 12 mar. (askanews) - L'emergenza nucleare nel Giappone devastato dal terremoto riaccende in Italia la polemica sul ritorno delle centrali deciso dal governo Berlusconi: Pd, Idv, Verdi, Sinistra ecologia e libertà e tutti i sostenitori del referendum contro l'atomo che si terrà a giugno in una data che l'esecutivo non ha ancora fissato alzano la voce contro una scelta che invece la maggioranza e il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, fanno sapere resterà invariata. "Quel che è successo in Giappone - è la denuncia del leader Idv, Antonio Di Pietro - dimostra che buttare via tanti soldi per fare 13 centrali nucleari e per ottenere una energia che si può ricavare anche con risorse alternative è rischiosissimo per la salute dell'ambiente e per l'umanità perché quando arriva un terremoto di tale entità si va tutti al Creatore". Chiede al governo di cogliere "questa occasione terribile per riflettere sull'ennesimo errore che vuole compiere e fermi il suo piano di ritorno al nucleare", anche la responsabile Ambiente del Partito democratico Stella Bianchi. E' perentorio il leader di Sel, Nichi Vendola: "Bisogna chiuderla qui con l'avventura delle centrali nucleari, non si può neanche pensare di discuterne dopo quanto accaduto in Giappone". Propongono di riconvertire le risorse necessarie a nucleare e grandi per "reperire quei 20 miliardi necessari a mettere in sicurezza il nostro patrimonio edilizio" i radicali con la deputata eletta nel Pd Elisabetta Zamparutti. Fuori dal coro dell'opposizione, l'Udc: Pier Ferdinando Casini ribadisce di essere favorevole al nucleare e invita il Governo "dopo tante declamazioni passasse dalle parole ai fatti". La maggioranza, dal canto suo, non ha dubbi: Fabrizio Cicchitto spiega che la posizione del governo "rimane quella che è, non è che si può cambiare idea ogni minuto" mentre il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, definisce "macabre e strumentali" le polemiche all'indomani del terremoto in Giappone. Le replicano a stretto giro i Verdi, in prima linea nella battaglia contro le centrali nucleari: "Macabre sono le radiazioni che stanno contaminando i cittadini giapponesi, le centrali nucleari che il governo vuole costruire in Italia e le bugie sulle sicurezza delle centrali che fino ad oggi hanno raccontato agli italiani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech