giovedì 23 febbraio | 13:12
pubblicato il 04/gen/2016 19:43

In Cda il 13 gennaio prossimo step riforma Rai targata Renzi

Consiglieri dovranno adeguare Statuto, a Campo Dall'Orto poteri ad

In Cda il 13 gennaio prossimo step riforma Rai targata Renzi

Roma, 4 gen. (askanews) - Dopo l'ok definitivo al Senato della riforma della Rai il 22 dicembre scorso, giusto in tempo per le vacanze di Natale, toccherà al Consiglio di amministrazione di viale Mazzini adeguare lo Statuto del servizio pubblico radiotelevisivo alle nuove regole sulla governance volute da Matteo Renzi. Una su tutte, la norma transitoria che affida all'attuale direttore generale Antonio Campo Dall'Orto i poteri e i compiti attribuiti all'amministratore delegato, la figura chiave della nuova Rai introdotta dalla riforma targata Renzi.

La prima riunione del Cda è convocata mercoledì 13 gennaio. Non si conosce ancora l'ordine del giorno ma, vista l'accelerazione impressa dalla maggioranza di governo agli ultimi passaggi della riforma in Parlamento, è altamente probabile che si procederà all'applicazione dell'articolo 2 comma 2 del provvedimento, ovvero all'adeguamento dello Statuto Rai alle nuove disposizioni, adeguamento che deve avvenire entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge (anche se quest'ultima, ad oggi, non risulta ancora pubblicata in Gazzetta ufficiale). Le modifiche allo Statuto sono deliberate dal Consiglio di amministrazione e approvate successivamente dall'assemblea straordinaria della Rai, che si dovrebbe tenere nella stessa giornata. Se non ci dovessero essere i tempi - sempre il 13 infatti i consiglieri sono convocati in commissione di Vigilanza all'ora di pranzo - una nuova riunione del Cda dovrebbe tenersi nella settimana successiva.

L'adeguamento dello Statuto della Rai, come previsto dall'articolo 5 comma 4 della riforma, dovrà riguardare anche le disposizioni transitorie secondo cui, in fase di prima applicazione e sino al primo rinnovo del Consiglio di amministrazione successivo alla data di entrata in vigore della legge, il direttore generale della Rai esercita, oltre alle attribuzioni a esso spettanti in base allo statuto della società, anche i poteri e i compiti attribuiti all'amministratore delegato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech