martedì 17 gennaio | 14:44
pubblicato il 16/ago/2013 09:26

Imu: Rughetti (Pd), eliminarla per ceti deboli e dal 2014 service tax

Imu: Rughetti (Pd), eliminarla per ceti deboli e dal 2014 service tax

(ASCA) - Roma, 16 ago - ''Togliere l'Imu a tutte le famiglie con basso reddito e rateizzare in 10 anni per tutti gli altri i soggetti passivi d'imposta''. Questa e' la proposta di Angelo Rughetti, deputato del Pd vicino a Renzi, in merito alla disputa sulla vicenda dell'imposta patrimoniale.

''E' ragionevole - prosegue Rughetti - per questo anno evitare che i cittadini e le imprese che non hanno pagato a giugno sia esentati dall'imposta. Ci sono cause eccezionali che giustificano una operazione di questo genere. Occorre trovare il modo di farlo senza causare danni alla finanza pubblica e senza fare regali a chi puo' sopportare il pagamento di questa imposta. Si tratterebbe quindi di stanziare per questo anno due miliardi di euro da dare ai comuni in proporzione al gettito Imu 2012 e lasciare ai comuni il compito di distribuire uno sconto forfettario a tutti coloro che hanno pagato l'imposta nel 2012 e che non abitano i case di lusso''.

''Il risultato sarebbe - continua Rughetti - una esenzione totale per l'90% delle prime case, dei terrei agricoli e dei relativi immobili. Per la parte restante e per le imprese si potrebbe prevedere una rateizzazione in 10 anni da spalmare negli anni successivi al 2013. Questo comporrebbe dal punto di vista contabile un vantaggio consistente per lo stato perche' questa rateizzazione avrebbe un effetto negativo solo in termini di cassa e non andrebbe invece coperta in termini di indebitamento netto. Insomma per il 2013 si potrebbe raggiungere l'obiettivo politico posto dal Pdl (esentare tutte le prime case), si avrebbe una distribuzione equa del prelievo come posto giustamente dal Pd (attraverso la riduzione forfettaria) e si avrebbe un risparmio sui conti pubblici perche' l'operazione costerebbe solo 2 miliardi e forse anche meno. Dal 2014, invece, occorre ripartire con una imposta locale sui servizi (service tax) che abbia l'obiettivo di garantire ai comuni la copertura della spese necessarie al l'erogazione dei servizi indivisibili. Una imposta molto consistente anche nel gettito (si aggirerebbe fra i 25 ed i 27 miliardi di euro) ma che sarebbe pagata sia dai proprietari che dai residenti''.

''Insomma - conclude Rughetti - se il Pdl uscisse dal l'angolo ideologico in cui si e' messo si potrebbe dare un aiuto vero ai cittadini e alle imprese che questo anno hanno dovuto fare i conti con una crisi sempre piu' pesante. Si risparmierebbero anche le risorse per poter finanziare altre urgenze come ad esempio una prima riduzione del cuneo fiscale o finanziare le norme sull'occupazione giovanile inserite nel decreto sul fare''.

com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa