giovedì 23 febbraio | 15:51
pubblicato il 29/nov/2013 15:26

Imu: Gasparri, prossimo anno un salasso altro che service tax Pdl

Imu: Gasparri, prossimo anno un salasso altro che service tax Pdl

(ASCA) - Roma, 29 nov - ''L'atteggiamento del governo e' patetico. Sventola l'abolizione dell'Imu ma in realta' c'e' chi questa tassa la paghera' e per di piu' senza che il governo si sporchi le mani. Spettera' infatti ai Comuni che hanno innalzato l'aliquota Imu nel 2013 chiedere circa 50 euro a famiglia, giacche' sono state messe a disposizione risorse per coprire solo in parte il mancato gettito.

Insomma, il governo vuol far bella figura sulle spalle dei Comuni costretti a chiedere soldi ai cittadini. Tutto cio' aggiunto alle nuove imposte sulla casa che per il 2014 sono previste nella legge di stabilita', il salasso e' servito.

Inutile scervellarsi con fantasiosi acronimi. Cambia nome ma la tassa sulla casa resta. Quello che il Pdl aveva in mente di realizzare con la service tax era ben diverso da questa usurpazione''. Lo ha dichiarato il sen. Maurizio Gasparri (FI-Pdl). com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech