domenica 04 dicembre | 17:17
pubblicato il 24/ott/2013 12:16

Imu: Fornaro (Pd), primo passo verso nuovo modello

(ASCA) - Roma, 24 ott - ''Il voto di oggi e' sicuramente un passo avanti verso un nuovo modello della tassazione immobiliare. Con questo decreto legge, infatti, nella prospettiva del passaggio nel 2014 a un sistema di service tax, definito Trise, non e' piu' dovuta la prima rata dell'Imu. Ma nel testo che votiamo sono presenti anche altre importanti esenzioni e agevolazioni che testimoniano l'attenzione dell'esecutivo alle richieste degli amministratori locali e di diversi settori produttivi''. Lo dichiara il senatore del Partito Democratico, Federico Fornaro, relatore del Dl Imu-Cig che sara' approvato questa mattina nell'aula del Senato. ''Sono esentati dalla seconda rata dell'Imu - spiega - i fabbricati costruiti dalle imprese e destinati alla vendita, gli alloggi sociali e, a partire dal 2014, anche gli immobili destinati alla ricerca scientifica. Gli effetti della tassazione dell'Imu sono anche attenuati per una serie di categorie tra le quali forze armate, polizia e vigili del fuoco: per loro non sono piu' richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica per il riconoscimento dell'abitazione principale. All'interno del decreto c'e' poi un capitolo importante che riguarda anche la cedolare secca per gli affitti, che passa dall'attuale 19% al 15%, per favorire la riemersione del sommerso, ma anche un cospicuo intervento della Cassa Depositi e Prestiti per far riprendere il volano dei mutui per l'acquisto della prima casa''. ''Anche la finanza locale ha importanti agevolazioni grazie a questo decreto. Su richiesta dei comuni si potra' continuare ad applicare la Tarsu con i regolamenti del 2012 e sono gia' state rimborsate le risorse della prima rata. Puo' sembrare una cosa normale ma uguale tempestivita' non c'era stata - conclude Fornaro - quando fu cancellata l'Ici sulla prima casa da parte dell'allora governo Berlusconi. Per quanto riguarda la Cassa integrazione in deroga, infine, il fondo e' stato rifinanziato con 500 milioni su richiesta delle regioni''.

sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari