martedì 28 febbraio | 11:58
pubblicato il 02/dic/2013 09:31

Imu: Delrio, era meglio lasciarla per ricchi

Imu: Delrio, era meglio lasciarla per ricchi

(ASCA) - Roma, 2 dic - ''Era piu' semplice far pagare una quota al 10% dei piu' abbienti. Ne avremmo ricavato 1,2-1,4 miliardi. E invece guarda cosa succede ora. I troppi compromessi ci costringono a dover racimolare altri 150-200 milioni''. Il ministro per gli Affari regionali, Graziano Delrio, in un'intervista al quotidiano 'la Repubblica', si esprime cosi' sull'abolizione dell'Imu sulla prima casa e sulla residua mini-Imu. ''La partita non e' ancora finita. C'e' una porta aperta in Parlamento: la legge di Stabilita''', precisa Delrio, per il quale ''la coperta delle risorse si e' mostrata piu' corta del previsto: e' la verita' che dobbiamo dire agli italiani.

Ma nello stesso tempo chiediamo comprensione a sindaaci e cittadini''. Il ministro esprime quindi ''rammarico per una scelta che non aveva senso'', sottolinenado che ''i troppi compromessi costringono il governo a racimolare altri 150.200 milioni''.

sgr/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech