domenica 04 dicembre | 07:29
pubblicato il 13/ago/2013 15:47

Imu: Costalli (MCL), basta dibattiti stucchevoli. Priorita' al lavoro

Imu: Costalli (MCL), basta dibattiti stucchevoli. Priorita' al lavoro

(ASCA) - Roma, 13 ago - ''Basta col dibattito che sta diventando persino stucchevole sull'Imu, questione pur importante ma sulla quale in un momento cosi' drammatico per la nostra economia e' assolutamente irresponsabile arrivare a minacciare la crisi di governo''. E' quanto ha affermato il Presidente del Movimento Cristiano Lavoratori (MCL), Carlo Costalli.

''L'economia in Europa registra in questa fase timidi segnali di ripresa e, secondo l'Istat, cio' vale anche per l'Italia'', ha continuato Costalli. ''La questione pero' e': ripartiranno anche le assunzioni? Non e' scontato che sia cosi' e su questo tema, assolutamente prioritario, tutti dobbiamo sentirci impegnati. Fin qui in Italia ben poco si e' fatto: l'esperienza degli altri Paesi europei segnala che la via maestra per aiutare i giovani passa attraverso le politiche di formazione e i servizi per l'impiego. Il premier Letta ed il ministro del lavoro Giovannini lo sanno bene. Per questo e' importante sfruttare al meglio il programma ''Garanzia per i giovani', cofinanziato dall' UE a partire dal 2014 e incentrato sulla transizione scuola-lavoro''.

Secondo il Presidente del MCL, ''per far si che la ripresa porti nuovo lavoro occorrono anche politiche capaci di rilanciare i comparti occupazionali che sono stati piu' colpiti dalla crisi: innanzitutto le piccole e medie imprese e i servizi. In altri Paesi europei il settore terziario ha tenuto piu' che in Italia''.

''Quali sono i colli di bottiglia che ci impediscono di sviluppare i servizi e il loro potenziale di occupazione, soprattutto al sud? Bisogna approfondire questo tema senza illudersi che la auspicabile ripresa dell'industria possa risolvere, da sola, l'emergenza lavoro. Il primo appuntamento importante per il governo, e utile per rilanciare il binomio crescita-lavoro, e' la legge di stabilita' prevista per settembre: sara' quello il momento per definire obbiettivi e risorse, e noi su questo punto incalzeremo costantemente il governo'', ha detto ancora Costalli. ''Sempre che nel frattempo non sia stata minata, irreversibilmente, la stabilita' del governo, con gli esiti economicamente drammatici che si possono immaginare (certo pagheremmo anche l'Imu, con buona pace dei falchi che tutti i giorni invocano le elezioni)''.

com-ceg/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari