domenica 04 dicembre | 11:10
pubblicato il 09/ago/2013 17:49

Imu: Chiti, irresponsabile premiare i ricchi e colpire gli altri

Imu: Chiti, irresponsabile premiare i ricchi e colpire gli altri

(ASCA) - Roma, 9 ago - ''In un paese in cui le disuguaglianze sono cresciute, il solo pensare che, se le risorse non sono sufficienti, con la riforma dell'Imu si premino i piu' ricchi e colpiscano gli altri e' irresponsabile''.

Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti, presidente della commissione Politiche dell'Unione europea.

L'esponente democratico ha sottolineato che ''ci sono gli esodati, c'e' il costo del lavoro da ridurre, c'e' la necessita' di rilanciare lo sviluppo e creare occupazione, c'e' l'Iva da non fare aumentare. Una maggioranza, meno che mai se eccezionale, non puo' vivere di diktat. Sono indispensabili responsabilita' e senso della misura. A meno che dietro l'Imu non ci siano i falchi del Pdl che pensano che le elezioni anticipate annullino le sentenze. In democrazia non succede. L'irrazionalita' irresponsabile - ha concluso Chiti - non ha mai portato bene a nessuno''.

com-brm/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari