sabato 10 dicembre | 06:46
pubblicato il 17/ago/2013 11:38

Imu: Brunetta, su stop prima casa Pdl vincera' battaglia cittadini

Imu: Brunetta, su stop prima casa Pdl vincera' battaglia cittadini

(ASCA) - Roma, 17 ago - ''Lo stop all'Imu sulla prima casa e sui terreni agricoli non dovrebbe essere la battaglia politica del solo Popolo della liberta'. Dovrebbe essere una posizione condivisa, di buon senso, un atto per ridare fiducia ai cittadini italiani, uno shock per riattivare un settore in crisi come quello edilizio. Non si tratta solo di impegni presi con gli elettori - sacrosanti, per carita' - qui c'e' in ballo il futuro del nostro Paese, e una riconciliazione tra lo Stato e i cittadini/contribuenti''. E' quanto scrive Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, in un intervento pubblicato da ''la Discussione''.

Per l'ex ministro ''adesso e' arrivato il momento di invertire la rotta, e' arrivato il momento di restituire il mal torto, di dare un segnale chiaro al Paese. L'Imu sulla prima casa e sui terreni agricoli non si dovra' pagare piu', ne' in questo 2013 ne' per gli anni a venire, all'interno della riforma complessiva della tassazione sugli immobili che il governo Letta si e' impegnato ad approvare entro il 31 agosto. Solo con una terapia d'urto di questo tipo si puo' finalmente invertire la rotta e innescare un circolo virtuoso di crescita. Una battaglia di civilta' e di speranza che il Popolo della liberta' vincera' non solo per i propri elettori, ma per tutti i cittadini italiani''.

''L'eliminazione dell'Imu sulla prima casa dal 2013 - ha spiegato l'ex ministro - fara' ripartire, da subito, la domanda, i consumi, il mercato immobiliare e tutto l'indotto, anche con riferimento agli affitti. Noi siamo fermi su questo punto per precisi valori economici: l'economia puo' ripartire solo in un quadro di aspettative positive. Lberare, definitivamente, 4 miliardi con l'abolizione dell'Imu sulla prima casa e sui terreni agricoli aumenterebbe il reddito disponibile delle famiglie che, in un clima di fiducia, spenderanno di piu', piuttosto che risparmiare a scopo precauzionale, come avviene quando si ha incertezza o paura del futuro''.

''Nel 2012 - ha aggiunto il presidente dei deputati del Pdl - il governo dei tecnici di Monti ha chiesto ai contribuenti, con l'Imu, 20 miliardi per far fronte alla difficile situazione finanziaria. A consuntivo, invece, le entrate sono state pari a circa 24 miliardi, con un extragettito di 4 miliardi. A causa di questo orrendo sacrificio chiesto alle famiglie italiane, sempre nel 2012, le compravendite immobiliari si sono ridotte del 23,7% (dati Istat; del 29,6% stando alle rilevazioni dell'Agenzia del Territorio); i mutui del 39.5% (dati Cgia di Mestre); la produzione nelle costruzioni e' diminuita del 13,6% (dati Istat) e gli investimenti del 7,6% (dati Ance); le ore lavorate in edilizia son diminuite del 13,8% (dati Casse Edili) e i posti di lavoro nel settore edile del 5% (dati Ance)'', ha concluso.

com-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina