giovedì 08 dicembre | 00:16
pubblicato il 20/mag/2013 14:34

Imu: Brunetta, soluzione Fassina non va bene. Aumenta incertezza

Imu: Brunetta, soluzione Fassina non va bene. Aumenta incertezza

(ASCA) - Roma, 20 mag - ''Il viceministro Fassina mette la retromarcia e in una dichiarazione rilasciata ieri individua la soluzione per scongiurare l'aumento dell'Iva a partire dal prossimo primo luglio: 'basterebbe evitare di eliminare l'Imu per tutti i proprietari di prima casa, ricchi compresi e portare a 450 euro la detrazione. Esenteremmo l'85% delle famiglie e risparmieremmo i due miliardi necessari per l'Iva'. Ricordo al viceministro che senza una riforma complessiva della tassazione sulla casa qualsiasi ipotesi di rimodulazione dell'Imu e' non solo impossibile ma soprattutto ingiusta e lo invito a rivedere i suoi conti''. Lo ha affermato il capogruppo Pdl alla Camera, Renato Brunetta, in un comunicato.

Secondo l'esponente del centrodestra, ''il calcolo di Fassina e' semplice e trova la sua base nel documento del Ministero dell'Economia che analizza i versamenti Imu per il 2012. In quel documento si dice che a superare la soglia dei 400 euro di versamento per la prima casa sono il 14,86% dei contribuenti. Il valore versato da queste famiglie e' pari al 46,32% dei quattro miliardi complessivi di Imu per l'abitazione principale. La soluzione di Fassina, come e' ovvio, non funziona, perche' portando a 450 euro la detrazione diminuisce il gettito complessivo e non si arriva a 2 miliardi. Ammettendo tuttavia di seguirlo nel suo ragionamento, di mantenere i versamenti del 2012 per chi ha pagato piu' di 400 euro e aumentare la detrazione per tutti gli altri l'unico risultato che si ottiene e' una profonda ingiustizia sociale. Peccato che, secondo i dati dello stesso Ministero dell'Economia, l'88% dell'Imu e' versata da contribuenti il cui reddito non supera i 55 mila euro all'anno. Si domandi il viceministro Fassina se sono loro i ricchi proprietari di casa ai quali sta pensando e, rivisti i suoi conti, si dia una risposta''. ''Ma si domandi - ha concluso Brunetta - anche perche' la media dei versamenti a Roma e' di 537 euro e a Milano di 292 euro, perche' le famiglie che vivono in appartamenti nuovi in periferia pagano molto di piu' di quelle che vivono in centro e via cosi'. Stiamo lavorando con serieta' al problema dell'Iva e siamo tutti preoccupati di disegnare politiche efficaci per occupazione e reddito, con le sue dichiarazioni Fassina non fa altro che far crescere l'incertezza e la confusione''. com-brm/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni