domenica 22 gennaio | 15:13
pubblicato il 07/gen/2013 16:23

Imu: Brunetta, pesa piu' del doppio rispetto a vecchia Ici

Imu: Brunetta, pesa piu' del doppio rispetto a vecchia Ici

(ASCA) - Roma, 7 gen - ''L'Imu oggi in vigore, l'imposta che sta creando una quantita' di problemi raramente visti nella storia del nostro sistema tributario, e' nata con il decreto Salva Italia. Questo decreto ha modificato l'imposta originariamente prevista dal federalismo fiscale, che era destinata a entrare in vigore nel 2014, assieme all'imposta municipale secondaria, nell'ottica di semplificare il farraginoso catalogo delle imposte locali. Quella originaria, era un'Imu piu' leggera ed esentava la prima casa, in conformita' a quanto disponeva espressamente la legge delega (legge 42 del 2009, che all'art. 12, lett.

b). L'Imu oggi in vigore e' una sorta di Avatar della ''vecchia'' Imu: nasce appunto con il decreto Salva Italia e di quella originaria l'Imu di oggi mantiene il nome e la struttura, ma ha subito profonde modifiche, che ne alterano la natura''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, coordinatore dei dipartimenti del Pdl.

''La prima modifica e' che si applica, ma con un'aliquota ridotta, anche alla prima casa. La seconda e' che la nuova Imu ha una doppia faccia, nascosta. Mantiene, infatti, il nome di imposta ''municipale'', ma meta' del gettito sulle seconde case (9 mld) lo prende lo Stato - prosegue Brunetta -. Non solo: i Comuni perdono di fatto anche il gettito derivante dall'estensione alle prime case (3,8 mld), perche' il Salva Italia ha ulteriormente tagliato il fondo di riequilibrio destinato ai Comuni per altri 5,65 mld. La terza modifica e' che il Salva Italia ha imposto le rivalutazioni catastali, per cui la base imponibile dell'Imu viene quasi raddoppiata. In definitiva: la nuova Imu e' un'imposta che pesa piu' del doppio rispetto alla vecchia Ici, sara' il Comune a metterci la faccia di fronte agli elettori quando arrivera' la cartella esattoriale (l'imposta continua a chiamarsi ''Municipale''), ma questi elettori non vedranno nessun miglioramento nei servizi municipali, perche' il Comune non ricevera' nemmeno un euro aggiuntivo: il maggior gettito lo incassa lo Stato. Anzi i Comuni in media, per effetto della nuova Imu e dei tagli, hanno perso circa il 27% rispetto a quanto incassavano con la vecchia Ici''. ''Queste due modifiche, assieme all'anticipo al 2012, hanno creato tutti i problemi cui stiamo assistendo. Ora con la legge di stabilita' e' stata attuata una modifica che la rende piu' comunale: lo Stato non prende piu' il gettito sulle seconde case, ma quello sulle imprese. Meglio di prima, ma la sostanza non cambia'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4