venerdì 09 dicembre | 14:32
pubblicato il 07/gen/2013 16:23

Imu: Brunetta, pesa piu' del doppio rispetto a vecchia Ici

Imu: Brunetta, pesa piu' del doppio rispetto a vecchia Ici

(ASCA) - Roma, 7 gen - ''L'Imu oggi in vigore, l'imposta che sta creando una quantita' di problemi raramente visti nella storia del nostro sistema tributario, e' nata con il decreto Salva Italia. Questo decreto ha modificato l'imposta originariamente prevista dal federalismo fiscale, che era destinata a entrare in vigore nel 2014, assieme all'imposta municipale secondaria, nell'ottica di semplificare il farraginoso catalogo delle imposte locali. Quella originaria, era un'Imu piu' leggera ed esentava la prima casa, in conformita' a quanto disponeva espressamente la legge delega (legge 42 del 2009, che all'art. 12, lett.

b). L'Imu oggi in vigore e' una sorta di Avatar della ''vecchia'' Imu: nasce appunto con il decreto Salva Italia e di quella originaria l'Imu di oggi mantiene il nome e la struttura, ma ha subito profonde modifiche, che ne alterano la natura''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, coordinatore dei dipartimenti del Pdl.

''La prima modifica e' che si applica, ma con un'aliquota ridotta, anche alla prima casa. La seconda e' che la nuova Imu ha una doppia faccia, nascosta. Mantiene, infatti, il nome di imposta ''municipale'', ma meta' del gettito sulle seconde case (9 mld) lo prende lo Stato - prosegue Brunetta -. Non solo: i Comuni perdono di fatto anche il gettito derivante dall'estensione alle prime case (3,8 mld), perche' il Salva Italia ha ulteriormente tagliato il fondo di riequilibrio destinato ai Comuni per altri 5,65 mld. La terza modifica e' che il Salva Italia ha imposto le rivalutazioni catastali, per cui la base imponibile dell'Imu viene quasi raddoppiata. In definitiva: la nuova Imu e' un'imposta che pesa piu' del doppio rispetto alla vecchia Ici, sara' il Comune a metterci la faccia di fronte agli elettori quando arrivera' la cartella esattoriale (l'imposta continua a chiamarsi ''Municipale''), ma questi elettori non vedranno nessun miglioramento nei servizi municipali, perche' il Comune non ricevera' nemmeno un euro aggiuntivo: il maggior gettito lo incassa lo Stato. Anzi i Comuni in media, per effetto della nuova Imu e dei tagli, hanno perso circa il 27% rispetto a quanto incassavano con la vecchia Ici''. ''Queste due modifiche, assieme all'anticipo al 2012, hanno creato tutti i problemi cui stiamo assistendo. Ora con la legge di stabilita' e' stata attuata una modifica che la rende piu' comunale: lo Stato non prende piu' il gettito sulle seconde case, ma quello sulle imprese. Meglio di prima, ma la sostanza non cambia'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
M5s
Grillo richiama M5s: programma unico per i candidati premier
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Lungarotti, Cantine aperte a Natale
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina