lunedì 05 dicembre | 18:00
pubblicato il 20/nov/2013 11:13

Imu: Brunetta, per commissione europea aumento acconti inaccettabile

Imu: Brunetta, per commissione europea aumento acconti inaccettabile

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''Siamo al 20 novembre e i cittadini italiani non sanno ancora se la seconda rata dell'Imu sulla prima casa e sui terreni e fabbricati agricoli verra' cancellata. E, se verra' cancellata, e se verra' cancellata anche per gli agricoli, i cittadini italiani non sanno se questo significhera' per loro nuove tasse sotto altre spoglie, con altri nomi, con altri marchingegni. Per quasi tutti i provvedimenti varati dal governo fino ad ora e' andata cosi'. Motivi per temere, i cittadini italiani, pertanto, ne hanno di buoni''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Cosi' come e' in allerta la Commissione europea, che dopo la solenne bocciatura della Legge di stabilita' e i continui richiami sull'andamento (a rialzo) del nostro debito pubblico, difficilmente accettera' le proposte del ministro Saccomanni di copertura della cancellazione della seconda rata dell'Imu (2,4 miliardi). Aumentare, come pare intenda fare il governo, gli acconti Ires e Irap e' una soluzione inaccettabile per Eurostat: l'organismo preposto al controllo statistico dei nostri conti pubblici'', aggiunge Brunetta.

''In base ai principi generali dell'ordinamento contabile europeo (SEC 95), infatti, se un acconto di imposta supera il 100%, esso configura la fattispecie dell'anticipo di entrate future, quindi un debito nei confronti dei contribuenti, che come tale, cioe' debito, deve essere contabilizzato. E' come se si aumentasse l'emissione di titoli di Stato, con la sola differenza che nel caso dell'anticipo non si pagano interessi aggiuntivi. Si tratta di un'evidente forzatura che difficilmente sara' lasciata passare sotto silenzio dalla Commissione europea. Cio' che piu' duole e' che al ministro Saccomanni, coperture valide per la cancellazione dell'Imu erano state fornite con largo anticipo, gi a' lo scorso luglio. Coperture virtuose, s enza mettere le mani nelle tasche degli italiani, senza l'introduzione di nuove tasse, ma con risorse derivanti da tagli di spesa e altre operazioni one-off, come la rivalutazione delle quote del capitale della Banca d'Italia. Perche' non le ha utilizzate? Saccomanni non dica che non sapeva. Come fanno, i tecnici del Mef, tanto occhiuti in un inutile rigore, a lasciar correre su una infrazione cosi' grave delle regole europee? Dov'e' la credibilita' dell'Italia in Europa che il ministro tecnico doveva ricostruire? Che delusione, presidente Letta, che delusione'', conclude Brunetta.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari