venerdì 02 dicembre | 23:40
pubblicato il 02/mag/2013 11:42

Imu: Brunetta (Pdl), l'imposta ha depresso il mercato immobiliare

Imu: Brunetta (Pdl), l'imposta ha depresso il mercato immobiliare

(ASCA) - Roma, 2 mag - ''Imu ossessione morbosa? L'introduzione di questa odiosa tassa da parte del governo Monti ha depresso la nostra economia: nel 2012, le compravendite immobiliari si sono ridotte del 23,7% (dati Istat; del 29,6% stando alle rilevazioni dell'Agenzia del Territorio); i mutui del 39,5% (dati Cgia di Mestre); la produzione nelle costruzioni e diminuita del 13,6% (dati Istat) e gli investimenti del 7,6% (dati Ance); le ore lavorate in edilizia son diminuite del 13,8% (dati Casse Edili) e i posti di lavoro nel settore edile del 5% (dati Ance). Inoltre, la tesi del governo Monti, secondo cui la pressione fiscale italiana sugli immobili fino al 2011 rappresentava un'anomalia, in quanto troppo bassa, rispetto alla media dei principali paesi europei, e' infondata''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta. ''Nel 2010 - prosegue - l'Italia aveva una tassazione patrimoniale diretta della proprieta' immobiliare dello 0,70% del Pil, perfettamente in linea con lo 0,69% della media dei paesi Ocse. In seguito all'introduzione dell'Imu del governo Monti, la percentuale dello 0,70% e' aumentata all'1,35% del Pil, cioe' quasi raddoppiata, in tal modo portando l'Italia ad un livello di imposizione diretta sugli immobili di gran lunga superiore alla media degli altri Paesi, e seconda solo alla Francia''. Conclude il capogruppo del Pdl alla Camera: ''Tornando al blocco delle compravendite di immobili in Italia, secondo i calcoli di Confedilizia, una riduzione di circa il 30% nel 2012 rispetto al 2011 corrisponde, in termini assoluti, a 250.000 unita'. Tale riduzione, sempre secondo le stime di Confedilizia, ha comportato un minor reddito prodotto in Italia di 8-10 miliardi di euro. Tutto cio' senza considerare che in Italia vi sono tra 700.000 e 800.000 immobili bisognosi di ristrutturazione e che potrebbero essere oggetto di lavori per almeno altri 7 miliardi di euro. 8-10 miliardi derivanti dalla riduzione del numero delle compravendite + 7 miliardi di mancate ristrutturazioni hanno prodotto una contrazione della nostra economia, nel solo settore immobiliare, pari a un punto di Pil''.

com-gar/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari