sabato 25 febbraio | 04:10
pubblicato il 09/lug/2013 11:35

Imu: Brunetta, Fmi sbaglia, senza quella tassa si rilanciano consumi

(ASCA) - Roma, 9 lug - ''Il Fondo monetario internazionale ha recentemente sostenuto che ''la tassa sulla proprieta' immobiliare sulle prime case dovrebbe essere mantenuta per ragioni di equita' ed efficienza fiscale', pur riconoscendo che una tale scelta presuppone la revisione dei valori catastali''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, in una lettera pubblicata dal ''Corriere della Sera''. ''Imu prima casa o cuneo fiscale? La questione teorica si pone nel modo seguente. La riduzione del cuneo fiscale - sottolinea l'ex ministro - rappresenta un'azione dal lato dell'offerta, perche' riduce i costi di produzione delle imprese. Ma per avere effetti sul livello della produzione e dell'occupazione presuppone una fase di ripresa e non di recessione dell'economia. La situazione attuale e' certamente caratterizzata da forti problemi di competitivita' dei settori produttivi italiani, ma la profonda recessione di cui non si vede l'uscita e' dovuta in primo luogo a una caduta drammatica della domanda''. ''E' necessario quindi un immediato provvedimento fiscale che abbia un effetto dal lato della domanda. In Italia, oltre l'8o% delle famiglie italiane di ogni ceto sociale vive in una casa di proprieta' e spesso questa e' una condizione di sopravvivenza, soprattutto nelle fasi economiche piu' difficili. La casa, pertanto, deve essere salvaguardata. Cio' non e' avvenuto lo scorso anno. E l'Imu e' diventata il simbolo della stangata fiscale e di quella che possiamo definire ''l'angoscia fiscale'. Nelle condizioni congiunturali e di aspettative negative che si sono cosi' determinate, l'eliminazione dell'Imu sulla prima casa assume un aspetto altamente simbolico di svolta della politica fiscale e di riconoscimento di errori effettuati, con effetti sia sulla spesa per consumi sia sul settore immobiliare''. ''Forse e' bene ricordare che l'importanza degli effetti comportamentali delle manovre fiscali, suggeriti dalla buona teoria economica, e' difficile da stimare mediante modelli econometrici. Proprio il Fondo monetario internazionale ha di recente riconosciuto che i moltiplicatori utilizzati per valutare l'impatto recessivo in Europa dei provvedimenti di consolidamento fiscale erano fortemente sottostimati, e che l'impatto e' stato di tre volte superiore. Forse anche per la discussione in corso intorno all'Imu e' bene che gli approcci e le valutazioni non sufficientemente correlate alle condizioni di contesto vengano utilizzati con prudenza. E per le considerazioni teoriche ed empiriche sopra addotte che crediamo che la valutazione espressa dal Fondo monetario internazionale, che tanto ha avuto risalto mediatico e politico, sia sbagliata'', conclude Brunetta. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech