domenica 04 dicembre | 14:03
pubblicato il 22/mag/2013 17:03

Imu: Brunetta, Damiano smetta con frottola favore fatto a pochi ricchi

Imu: Brunetta, Damiano smetta con frottola favore fatto a pochi ricchi

(ASCA) - Roma, 22 mag - ''Damiano insiste, ancora una volta, a raccontarci la favoletta che la cancellazione dell'Imu e' un favore fatto dal Pdl a pochi ricchi sulla pelle delle famiglie italiane meno agiate''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Basta poco a capire che, poiche' il 78% delle famiglie risiede in abitazioni di sua proprieta', l'eliminazione dell'Imu va a favore di tutte le famiglie, a partire da quelle con redditi medi e medio-bassi. Infatti l'88% dell'Imu e' versata da contribuenti il cui reddito non supera i 55 mila euro lordi all'anno e il 50% da famiglie che non supera i 26 mila euro di reddito lordo. Solo il 13% di questa imposta proviene da famiglie con redditi superiori a 75 mila euro. A Roma il versamento medio di oltre un milione di famiglie e' di 537 euro, quasi il doppio di Milano (292 euro) e il 44% in piu' di Cortina d'Ampezzo (375 euro). Non sembrano necessari altri dati per dimostrare la non equita' di questa imposta, a meno di non credere che il valore medio delle abitazioni di Roma sia molto piu' alto di quello delle piu' rinomate localita' turistiche'', aggiunge Brunetta.

''Eliminare l'Imu sulla prima casa e rivedere nel suo complesso la fiscalita' dei beni immobili, a partire dalla revisione degli estimi catastali, dunque non e' una politica economica a favore di pochi ricchi possessori di case, per i quali invece sara' mantenuta, come era stato fatto per l'Ici, ma piu' semplicemente un modo ragionevole per sostenere i consumi delle famiglie e l'economia in generale. Solo con una ripresa dell'economia infatti sara' possibile evitare l'aumento della aliquota Iva al 22%, recuperare il buco che la riduzione dei versamenti Iva (-8,6% nel primo trimestre di questo anno) rischia di aprire, definire politiche di sostegno alla occupazione giovanile o alle persone in difficolta' economica. Se Damiano ha altri dati a sostegno della sua favola li dica con chiarezza e sono pronto a confrontarmi con lui, viceversa si dia da fare a lavorare per il bene del Paese e non confonda la casa della famiglia media italiana con le ricche magioni che e' abituato a frequentare'', conclude Brunetta. com-ceg/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari