domenica 04 dicembre | 17:26
pubblicato il 03/giu/2013 15:06

Imu: Brunetta a Fassina, su prima casa cancellazione valga per tutti

(ASCA9 - Roma, 3 giu - ''Ricordo a Stefano Fassina che da qualche settimana non e' piu' responsabile economico del Partito democratico, ma viceministro dell'Economia di un governo di coalizione.

Sarebbe auspicabile da parte sua, dunque, una qual dose di discrezione sugli orientamenti personali e del governo. Per quanto riguarda il Pdl, l'Imu sulla prima casa dovra' essere cancellata per tutti, senza alcuna distinzione. Le esenzioni per le case di lusso sono gia' state applicate, e non ci sono possibilita' di scaricare su una parte dei contribuenti il peso di altre misure, blocco dell'aumento dell'Iva in primo luogo, che andranno fatte senza intaccare o cannibalizzare la riforma della tassazione sugli immobili''. Lo ha ribadito in un comunicato il capogruppo Pdl alla camera, Renato Brunetta, commentando le parole del viceministro dell'Economia, Stefano Fassina. ''Il 15% di Fassina e' la quota di proprietari che versano piu' di 400 euro di Imu prima casa, nulla ha a che vedere con gli immobili di maggior valore ma, molto piu' semplicemente, si riferisce a quelle abitazioni il cui valore catastale e' piu' vicino al valore effettivo di mercato, in generale perche' sono di piu' recente costruzione o si trovano in comuni con un valore catastale aggiornato. Ricordo a Fassina - ha aggiunto Brunetta - che 3 miliardi e mezzo di euro, dei quattro complessivi del gettito Imu, sono versati da contribuenti con un reddito lordo inferiore ai 55 mila euro''.

''Per quanto riguarda, infine, la restituzione dell'Imu sulla prima casa pagata nel 2012, non e' certamente Fassina a dover decidere in proposito. Anche questo - ha sottolineato Brunetta - e' un tema che dovra' essere discusso e approfondito dall'intera coalizione e non certo dal solo viceministro dell'Economia. Serve una riforma complessiva della tassazione sugli immobili, non la lamentosa demagogia del viceministro. Mantenere solo in parte la tassa sulla casa significa ampliare ulteriormente la profonda ingiustizia di questa tassa. Anche per questo - ha concluso - siamo impegnati a garantire al governo ogni supporto possibile per chiudere entro l'estate''. com-brm/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari