domenica 11 dicembre | 15:24
pubblicato il 29/gen/2014 21:17

Imu-Bankitalia: blitz di Boldrini e bagarre in Aula per il si' al Dl

Imu-Bankitalia: blitz di Boldrini e bagarre in Aula per il si' al Dl

(ASCA) - Roma, 30 gen 2014 - Blitz della presidente della Camera che applica la 'tagliola' e conseguente bagarre in Aula per il via libera definitivo al decreto Imu-Bankitalia, con l'accusa a un questore della Camera di avere schiaffeggiato una deputata del M5S. Dopo che il Movimento 5 Stelle ha fatto opera di ostruzionismo per l'intera giornata di oggi, allo scopo di non fare approvare il provvedimento che sarebbe scaduto alla mezzanotte di oggi, la presidente Laura Boldrini, dinnanzi all'iscrizione per le dichiarazioni di voto di oltre 170 deputati (106 del M5S), ha convocato la Conferenza dei capigruppo per decidere l'applicazione della 'tagliola', lo strumento che consente all'Aula di passare direttamente al voto. Secondo quanto si apprende, durante la riunione c'e' stato un alterco tra Boldrini e la presidente dei deputati di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, la quale ha accusato la presidente di essere al soldo dei banchieri, vista la sua ferma volonta' di approvare il decreto che contiene la rivalutazione delle quote di Bankitalia. Dura la reazione di Boldrini, tanto che e' dovuto intervenire il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, in solidarieta' con la presidente della Camera. Quindi Boldrini ha comunicato la decisione di applicare la tagliola, e' entrata in Aula, si e' seduta al suo posto, ha comunicato rapidamente la decisione, indetto e chiuso la votazione in un minuto e mezzo: ''La Camera approva''. Subito sono arrivate le proteste dei parlamentari del M5S i quali si sono imbavagliati, hanno mostrato cartelli con le scritte ''corrotti'' e ''vergognatevi'', hanno urlato contro la presidenza occupando anche i banchi del governo durante la votazione. Alla bagarre hanno partecipato anche i parlamentari di Fratelli d'Italia con fischietti e lancio monetine di cioccolata.

La deputata del Movimento 5 Stelle Loredana Lupo ha accusato di averle dato uno schiaffo un questore della Camera, Stefano D'Ambruoso (Sc), il quale sostiene di avere solamente tentato di fermare i deputati che stavano andando minacciosi verso Boldrini.

L'opposizione al Dl del Movimento 5 Stelle e' sempre stata sostenuta dalla motivazione che le norme per la rivalutazione delle quote di Bankitalia sono un 'regalo' per le banche italiane e una 'svendita' della banca centrale. La richiesta dei deputati grillini era quella di stralciare le norme su Bankitalia dal provvedimento che, se fosse decaduto, avrebbe costretto gli italiani a pagare la seconda rata dell'Imu sulla prima casa del 2013. L'impossibilita' di tale manovra e' stata illustrata e motivata in un comunicato del ministro Franceschini. Tra le principali motivazioni il pagamento dell'Imu, ma anche ''gravi problematiche fiscali anche a livello locale'' e non avrebbero piu' avuto ''alcuna base normativa l'incremento degli acconti IRES e IRAP''. Le ripercussioni sarebbero arrivate fino al Pil e quindi al rispetto del pareggio di bilancio per il 2013. sgr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
## Renzi si ritira, "Doloroso, ma necessario"
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Al via totoministri, possibili conferma Boschi e arrivo Fassino
Governo
Di Maio:no M5s altri governi,Renzi dovrebbe sparire da politica
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina