sabato 03 dicembre | 11:14
pubblicato il 11/feb/2014 10:30

Impeachment: comitato archivia richiesta per Napolitano

Impeachment: comitato archivia richiesta per Napolitano

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - Il comitato per l'impeachment ha archiviato la richiesta del movimento 5 Stelle per la messa in stato di accusa del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. 28 i voti a favore della proposta del Pd per l'archiviazione, 8 i contrari, mentre tutti i parlamentari di Forza Italia e alcuni di Gal hanno lasciato l'aula al momento della votazione. I due presidenti, Ignazio La Russa e Dario Stefano, non hanno invece votato. ''E' stata archiviata per manifesta infondatezza''. Il presidente del Comitato parlamentare per la messa in stato d'accusa, Ingnazio La Russa, spiega che ''non ci sara' nessuna ulteriore indagine'', come invece richiesto nella denuncia del Movimento 5 Stelle, perche' ''anche le critiche piu' profonde nei confronti del Presidente non coincidono con l'articolo 90 della carta costituzionale che parla di alto tradimento e attentato alla Costituzione''. La Russa ha ricordato poi che, archiviata la richiesta di impeachment, ''il 25 per cento dei parlamentari in seduta congiunta potra' fare ora istanza per riaprire in Aula il dibattimento''. ''Hanno vinto i patti e i ricatti dopo una notte di incontri al Quirinale. Ma non finisce qui. Raccoglieremo le firme in Parlamento per chiedere che il caso-Napolitano venga portato in aula in seduta congiunta''. Lo dicono deputati e senatori del Movimento 5 Stelle, annunciando di volere avvalersi della facolta' di portare in Aula la richiesta di impeachment nel caso in cui il 25% dei parlamentari lo richieda. ''Dopo una notte di tentennamenti, il partito del Quirinale si e' ricompattato contro la Costituzione e contro la volonta' popolare. Dopo le ultime rivelazioni sulla nascita del governo Monti e sull'azione disciplinare nei confronti del pm Nino Di Matteo - aggiungono - appare piu' che evidente che le denunce del Movimento, tradotte nella richiesta di messa in stato d'accusa, sono tutt'altro che prive di fondamento. Insomma - concludono - 'Re Giorgio' e' nudo''. int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari