domenica 04 dicembre | 07:50
pubblicato il 11/apr/2011 20:56

Immigrati/Lega attacca Ue e guarda a Berlusconi: Deve appoggiarci

Tensione nel Carroccio, base nervosa: Non possiamo farci logorare

Immigrati/Lega attacca Ue e guarda a Berlusconi: Deve appoggiarci

Roma, 11 apr. (askanews) - Attaccare furiosamente l'Unione Europea, esigere dal governo misure finora non prese in considerazione come il blocco navale e il ritiro dei contingenti militari dalle missioni all'estero, e sperare che questo basti a ridurre il contraccolpo elettorale sulla Lega per la gestione dell'immigrazione. Per ora è questa la strategia scelta in via Bellerio, dove la contraddizione tra partito di lotta e di governo sta esplodendo proprio su uno dei cavalli di battaglia della propaganda leghista. Ma se alle amministrative il Carroccio dovesse pagare il dazio della crisi migratoria, potrebbe tornare d'attualità un ragionamento già svolto nelle settimane scorse, quando l'accordo con la Tunisia sembrava lontano: piuttosto che farci logorare, meglio mollare tutto. Soprattutto se da Silvio Berlusconi non arrivasse il sostegno alla linea leghista, spiegano da via Bellerio. Un ragionamento che vede in prima linea proprio Roberto Maroni, sotto accusa anche da parte della base leghista, come testimoniato anche oggi dagli interventi sul forum di RadioPadania. Una posizione scomoda, quella del ministro dell'Interno, con la pancia del Carroccio che vorrebbe l'Italia adottasse sugli immigrati la linea dura di Francia e Malta: proprio quella che Maroni invece deve chiedere all'Europa di abbandonare, si sfogano dirigenti leghisti vicini al titolare del Viminale. Tanto che già nei giorni scorsi sono circolate voci di un Maroni pronto a lasciare. Decisivi diventano dunque i comportamenti di Berlusconi nei prossimi giorni: "Deve venire sulle nostre posizioni - spiega un autorevole esponente del Carroccio - non può lasciarci soli davanti ad un'Europa che ci mette i bastoni tra le ruote e blocca le nostre politiche". Insomma, ripetono i leghisti, "noi le idee da adottare ce le avremmo: il pattugliamento navale è previsto dall'accordo con la Tunisia, va messo in pratica". Confidando nell'appoggio di Berlusconi: "Anche perchè a lui interessano soprattutto altre cose...", dice un dirigente padano alludendo al processo breve.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari