domenica 04 dicembre | 01:19
pubblicato il 02/apr/2011 21:57

Immigrati/Governo: Berlusconi va a Tunisi per raggiungere accordo

Tunisia non rispetta intese politiche, per questo serve summit

Immigrati/Governo: Berlusconi va a Tunisi per raggiungere accordo

Roma, 2 apr. (askanews) - La missione a Tunisi del Premier Silvio Berlusconi con il ministro degli Interni Roberto Maroni prevista per lunedì prossimo è stata promossa "proprio per mettere nero su bianco" e "arrivare ad un chiarimento inequivoco" con il Governo tunisino circa "gli impegni politici già esistenti ma finora non rispettati dalla Tunisia" sull'immigrazione in Italia dei cittadini tunisini. E' quanto viene fatto notare da fonti del Governo italiano, a commento della dura presa di posizione del ministero degli esteri di Tunisi a poco più di 24 ore dalla partenza di Berlusconi per la Tunisia. Il ministero degli Esteri tunisino, questa sera, ha infatti voluto ufficialmente smentire "l'esistenza di accordi sull'immigrazioen fra Italia e Tunisia già siglati" in occasione della missione della scorsa settimana dei ministri Frattini e Maroni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari