sabato 21 gennaio | 23:10
pubblicato il 08/ott/2013 20:36

Immigrati: Ue, Frontex piu' forte e cabina di regia per il Mediterraneo

Immigrati: Ue, Frontex piu' forte e cabina di regia per il Mediterraneo

(ASCA) - Lussemburgo, 8 ott - Un rafforzamento della capacita' di Frontex, l'agenzia per il coordinamento della politiche di controllo delle frontiere esterne, all'interno di una cabina di regia piu' ampia (o task-force) costituita da Italia, Commissione europea e agenzie interessate (la stessa Frontex, Europol e il Servizio esterno dell'Ue). Queste le decisioni del consiglio Affari interni riunito a Lussemburgo per rispondere al problema dei flussi migratori dopo il tragico naufragio al largo delle coste di Lampedusa. L'Italia chiedeva una risposta europea e l'ha ottenuta. ''L'Italia ottiene che Frontex cambi operato e sia piu' efficiente nella sorveglianza, e ottiene una consapevolezza forte della portata del dramma da parte dei paesi del Nord'', il commento di Angelino Alfano al termine della riunione dei ministri dei ventotto. Il ministro dell'Interno sottolinea che ''per la prima volta anche i paesi del nord'' hanno convenuto che quanto avvenuto a Lampedusa ''e' una questione europea e non solo italiana''. Francia, Germania, Spagna, Austria, Lussemburgo e Paesi Bassi hanno infatti sostenuto l'idea del commissario europeo per gli Affari interni, Cecilia Malmstrom, di dar vita a una vasta operazione di monitoraggio del Mediterraneo attraverso una rinnovata missione dell'agenzia Frontex. Resta l'incognita dei fondi necessari per le operazioni di Frontex: sono gli Stati membri dell'Ue a stanziare le risorse, e non e' chiaro se e quanto i Ventisette sapranno mettere sul piatto. Per Malmstrom ''e' prematuro'' parlarne, ma ''delle risorse si e' parlato'', precisa Alfano. ''Si faranno i conti e poi si interverra' per sostenere l'Italia'', assicura il responsabile del Viminale. La strategia dovra' essere definita piu' nel dettaglio. Intanto Frontex dovra' predisporre il proprio piano d'azione per portarlo all'attenzione degli Stati membri. Il Servizio europeo per l'azione esterna, il 'ministero degli Esteri' dell'Ue, agira' in via parallela attraverso le iniziative di politiche di vicinato con i paesi terzi da cui partono le imbarcazioni con i migranti. L'obiettivo e' instaurare una cooperazione per creare le condizioni affinche' tali imbarcazioni non partano. L'Europol, l'agenzia anti-crimine dell'Ue, dovra' lottare per sradicare il traffico di esseri umani. La cabina di regia, come detto, vedra' impegnate Italia, Commissione europea, e le agenzie Ue interessate. L'idea e' comunque quella di coinvolgere altri paesi del sud dell'Ue. Alfano garantisce che si avranno risultati ''in tempi immediati''. Solitamente, ricorda, ''la task-force si attiva per ottenere dei risultati''. Di tutto questo probabilmente si tornera' a parlare a livello di Comitati dei rappresentanti permanenti (Coreper) prima di nuovi confronti ministeriali. bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4