sabato 03 dicembre | 08:11
pubblicato il 10/mag/2013 12:57

Immigrati: Turco (Pd), Grillo non conosce la legge italiana

Immigrati: Turco (Pd), Grillo non conosce la legge italiana

(ASCA) - Roma, 10 mag - ''Grillo, nel mentre, getta la maschera. Innanzitutto dimostra di non conoscere la legge italiana e gli effetti paradossali che produce sulla vita di tanti giovani. Grillo non si e' accorto, nella sua disanima molto superficiale della legislazione europea, che in quella italiana ci sono due semplici parole che la rendono anomala ed arretrata rispetto alla legislazione degli altri paesi d'Europa''. Lo dichiara in una nota Livia Turco, presidente del Forum Immigrazione del Pd.

''La prima, aver vissuto ''ininterrottamente'' per diciotto anni in Italia come condizione per presentare la domanda di cittadinanza significa escludere, da questa possibilita', tanti ragazzi che magari, per motivi familiari, sono costretti a tornare nel loro Paese per uno o due anni e poi tornare in Italia. Questa circostanza e' lesiva di un diritto ed e' fonte di molte discriminazioni. La seconda parola - prosegue Turco - e' che al compimento del diciottesimo anno il giovane ha solo dodici mesi per presentare la domanda, altrimenti perde il diritto. Un tempo cosi' ristretto non esiste in nessun paese europeo. Grillo non vuole cambiare neppure queste due parole discriminatorie? Ieri il ministro Cecile Kyenge ha paralato di ''ius soli'' temperato. Siamo in Europa, non negli Stati Uniti e siamo molto affezionati alle nostre radici. Come ci hanno insegnato gli italiani emigrati all'estero l'aver ottenuto la cittadinanza e il diritto di volto nel loro nuovo Paese li ha aiutati ad integrarsi, ad esprimere al meglio la loro italianita' e non hanno perso il legame con la loro terra di origine''. ''Riconoscere la cittadinanza non e' svilire la nostra nazione e la nostra cultura, al contrario, significa chiedere a chi e' venuto in Italia di amarla e non solo rispettarne le regole e le leggi. Per questo insisteremo con la nostra proposta: un bambino figlio di immigrati di cui almeno un genitore e' in Italia da cinque anni, se i genitori lo scelgono, puo' avanzare domanda cittadinanza che dovra' essere confermata dal diretto interessato al compimento del diciottesimo anno. I bambini che arrivano nel nostro Paese con i genitori di cui almeno uno in Italia dal cinque anni, i genitori posso presentare la domanda di cittadinanza al termine del ciclo scolastico. Quanto al referendum - sottolinea l'esponente del Pd -, Grillo sappia che noi non lo temiamo. Sosteniamo con grande determinazione il ministro Kyenge che con tenacia e pacatezza ha detto di voler cercare il dialogo tra tutte le forze parlamentari e di voler costruire una sintesi tra i molti progetti di legge presentati. Al ministro l'abbraccio e la solidarieta' di tutto Pd di fronte ai continui attacchi nei confronti della sua persona''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari