martedì 28 febbraio | 15:24
pubblicato il 05/giu/2013 12:00

Immigrati/ Santa Sede: Non chiudere le frontiere ai rifugiati

Vegliò: Governi rigidi, opinione pubblica sempre più diffidente

Immigrati/ Santa Sede: Non chiudere le frontiere ai rifugiati

Città del Vaticano, 5 giu. (askanews) - La "risposta corretta" al problema dei profughi e degli sfollati "non sta nella chiusura delle frontiere. I Paesi dovrebbero garantire i diritti dei rifugiati e agire secondo lo spirito della Convenzione del 1951, andando incontro a chi è nel bisogno, accogliendolo e trattandolo come si farebbe con cittadini autoctoni". Lo scrive il cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, che anticipa sull''Osservatore romano' i contenuti del documento 'Accogliere Cristo nei rifugiati e nelle persone forzatamente sradicate' che viene presentato domani in Vaticano. Il testo "riflette la situazione di rifugiati, sfollati, apolidi e vittime delle diverse forme di traffico di esseri umani", spiega il porporato. "Questo titolo già indica che la natura della migrazione forzata è cambiata. Uomini, donne e bambini sono costretti a lasciare le loro case per molte ragioni diverse, per cui è diventata meno evidente la differenza tra migrazione forzata e migrazione volontaria per motivi di lavoro. Nello stesso tempo, l'atteggiamento di molti governi si è fatto più rigido. E questo impone una riflessione, dato che apparentemente al centro delle decisioni politiche le misure di deterrenza hanno preso il sopravvento sugli incentivi per il benessere delle persone. Sembra che la priorità sia data alle strategie per tenere lontani profughi e sfollati. La sola presenza di rifugiati o di persone deportate è sentita come problema, invece di tener conto delle ragioni per cui sono stati costretti a fuggire. Di pari passo, inoltre, troviamo anche un'opinione pubblica sempre più diffidente e tutto questo sta minacciando lo spazio di protezione". Il card. Vegliò si sofferma, in particolare, sulla situazione della Siria. Secondo i dati dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Acnur) riportati dal porporato vi sono più di 1,6 milioni di rifugiati siriani in Libano, Giordania e Turchia. "I Paesi limitrofi - afferma Vegliò - hanno dischiuso generosamente i loro confini, li hanno tenuti aperti e hanno accolto i rifugiati. Questo è esattamente ciò che chiedeva la Convenzione sui rifugiati del 1951. Altrove, invece, vi sono Paesi, e purtroppo non sono esclusi quelli Europei, che chiudono la frontiera di fronte ai disperati che fuggono, senza curarsi della loro domanda di protezione. L'accesso alla procedura d'asilo, infatti, deve ancora essere garantita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech