sabato 03 dicembre | 01:37
pubblicato il 16/dic/2011 19:19

Immigrati/ Riccardi a Torino: Renderete l'Italia migliore

Lega lo considera 'sgradito'e il ministro cancella visita in sede

Immigrati/ Riccardi a Torino: Renderete l'Italia migliore

Torino, 16 dic. (askanews) - Inno di Mameli, balli e canti, eseguiti da bambini provenienti da ogni parte del mondo ma che si sentono a tutti gli effetti torinesi e italiani. Si è concluso così a Torino, a San Salvario, uno dei quartieri più multietnici del capoluogo piemontese, la giornata torinese del ministro della Cooperazione e integrazione, Andrea Riccardi. Lo spettacolo ha concluso l'incontro tra il ministro e i giovani immigrati presso l'oratorio salesiano San Luigi. Ha scherzato il ministro con i ragazzi provenienti dal Senegal, dal Ghana, dalla Nigeria, dal Marocco, ma anche dalle Filippine e da Paesi asiatici, chiedendo ad ognuno per quale squadra tifano o se sono molto studiosi. "Voi ragazzi venite da Paesi bellissimi e credo che non sempre avete conosciuto la parte migliore del nostro Paese, ma oggi con voi mi piace parlare del vivere insieme tra generazioni e gente che ha storie diverse", ha esordito il ministro, che ha precisato tra gli applausi dei ragazzi: "Non mi piace dire etnie, non mi piace dire razza, qui ci sono solo storie diverse". "Avete fatto un lungo viaggio, magari in compagnia della paura o con la nostalgia di tornare a casa, ma non dimenticate che alla fine la vostra storia fatta anche di momenti difficili renderà il nostro Paese migliore. L'Italia ha bisogno di voi", ha proseguito Riccardi dal palco del teatro dei salesiani. Non la pensa esattamente così la Lega nord torinese che già da ieri ha polemizzato con il ministro quando il deputato leghista Claudio Allasia ha reso noto che non sarebbe stata gradita la visita del ministro Riccardi nella sede della Lega nord a San Salvario. Oggi il ministro ha pertanto modificato il suo programma, precisando poi con i giornalisti: "Non faccio polemiche, ma non vado certo a disturbare chi non mi vuole". E prima di lasciare Torino il ministro Riccardi ha lodato il quartiere di San Salvario come laboratorio di integrazione: " il simbolo dell'integrazione, del fatto che i problemi esistono ma si possono risolvere". Lasciando Torino poi il ministro ha ribadito che per i nomadi occorre al più presto trovare "soluzioni diverse". Giunto a Torino si è subito recato a fare un sopralluogo presso il campo rom della zona della Continassa, ai margini della città, dato alla fiamme qualche sera fa dopo un raid razzista. Riccardi ha sottolineato che per i nomadi occorre pensare a soluzioni di vita più dignitose, e "intanto - ha concluso - bisogna anche trasformare i campi nomadi, finchè diventano luoghi in cui si può vivere con dignità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari