domenica 26 febbraio | 23:22
pubblicato il 11/lug/2014 16:09

Immigrati: Regioni, intesa su piano. Ma preoccupazione per futuro

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - Ieri e' stato raggiunto in Conferenza Unificata un accordo tra Governo, Regioni, Comuni e Province per il varo di un piano per la gestione dei profughi, con relative politiche di accoglienza. Lo ha annunciato - si legge in una nota - il presidente dell' Anci, Piero Fassino, che ha giudicato l'accordo ''politicamente rilevante''. Lo stanziamento e' pari a 370 mln per il 2014.

Per le Regioni l'intesa e' subordinata pero' ad una verifica delle necessarie coperture economiche, anche oltre il 2014.

In particolare l'assessore lombardo, Massimo Garavaglia, coordinatore degli assessori al Bilancio per la Conferenza delle Regioni, ha dichiarato, uscendo dalla Conferenza Stato-Regioni, ''su 'Mare Nostrum' per il 2015 e il 2016 non c'e' sul piatto neanche un euro. Voglio precisare pero' che Regione Lombardia e Regione Veneto hanno voluto puntualizzare alcune questioni, in primis la copertura economica che c'e' solo per il 2014 , e' limitata e ha un tetto di spesa. Cio' vuol dire che per il futuro non si sa come affrontare questa emergenza in termini di apporto finanziario considerando le drammatiche previsioni sull' affluenza verso le nostre coste.

Non e' nemmeno chiaro se per gli enti locali - ha aggiunto Garavaglia - in particolare per i comuni che sono quelli piu' oberati dalle spese dirette soprattutto per l'accoglienza di minori, se queste spese sono fuori dal patto di stabilita'.

Per questo la Regione Lombardia ha voluto puntualizzare affinche' rimanesse a verbale tutto questo''.

Della cifra complessiva, ha spiegato il presidente dell'Anci, Piero Fassino, 70 milioni sono stati stanziati per i minori non accompagnati. Il piano sottoscritto con il governo prevede: la raccolta in mare degli immigrati, da parte dello Stato; lo smistamento entro 48 ore in centri regionali per l'identificazione; l'allocazione e l'integrazione nei comuni con metodo Sprar (Sistema per i richiedenti asilo e rifugiati).

''Questo sistema dal primo luglio - ha spiegato il presidente dell'Anci - e' stato esteso e consente l'accoglienza a 20 mila persone e potra' essere ulteriormente esteso a 35 mila, ma per questo dovranno essere erogate piu' risorse''. Fassino ha poi spiegato che ''e' stata risolta finalmente la vicenda dei minori non accompagnati, che da oggi verranno gestiti con il metodo Sprar e non in maniera separata''. Regioni, Comuni e Province chiederanno al governo per il 2015 che lo stanziamento ulteriore di risorse diventi una priorita'.

A fronte dell'accordo sottoscritto i bandi emessi dalle prefetture per l'accoglienza sono destinati ad essere uno strumento transitorio.

com-stt/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech