venerdì 24 febbraio | 22:42
pubblicato il 14/mag/2014 15:12

Immigrati: Rampelli (FdI-An), sospendere operazione Mare Nostrum

(ASCA) - Roma, 14 mag 2014 - ''Sospendere l'operazione Mare Nostrum con decorrenza immediata; istituzione di appositi presidi Ue nei Paesi dai quali partono i maggiori flussi migratori per una valutazione preventiva dello status di rifugiato e per informare dei rischi connessi ai ''viaggi della speranza'; adeguato stanziamento al fondo rimpatri, di fatto azzerato dal dl 120/13''. E' quanto prevede la mozione di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale, primo firmatario Fabio Rampelli, che oggi sara' votata dall'aula della Camera dei deputati. La mozione, sottoscritta dai deputati Giorgia Meloni, Ignazio La Russa, Edmondo Cirielli, Massimo Corsaro, Pasquale Maietta, Gaetano Nastri, Marcello Taglialatela e Achille Totaro, intende impegnare il governo a destinare una quota delle risorse annualmente stanziate in favore delle iniziative di cooperazione allo sviluppo promosse dall'Italia a progetti che creino possibilita' di sviluppo sociale ed economico nei Paesi destinatari degli aiuti e che sostengano i processi di stabilizzazione nei Paesi delle zone di crisi, al fine di contrastare efficacemente la questione migratoria sotto il profilo della prevenzione. Nella mozione, Rampelli chiede che il governo s'impegni in sede europea affinche' sia ampliato e rafforzato il ruolo di Frontex nel contrasto all'immigrazione nel Mediterraneo e per la sicurezza dei confini, anche delegando all'Agenzia il coordinamento sia delle attivita' di pattugliamento sia delle attivita' di cooperazione operativa con i Paesi di origine e di transito dei flussi. Tra gli impegni richiesti nella mozione, anche la modifica del regolamento (UE) n.?604/2013 cosiddetto Dublino III (che prevede che la richiesta di asilo sia fatta nel primo Paese di arrivo), e l'invito affinche' gli Stati membri dell'Ue proseguano ed intensifichino l'attivita' di assistenza umanitaria, finanziaria e politica nelle aree di crisi del Nordafrica e del Medio Oriente, per affrontare la migrazione e la pressione umanitaria alla radice. ''Sul fronte internazionale- si legge- si sollecita il rispetto dei trattati gia' stipulati al fine di contrastare l'immigrazione clandestina e a promuovere la sottoscrizione di nuovi accordi, con particolare riferimento alle procedure di rimpatrio nei Paesi di origine dei detenuti al fine di scontare la pena''. Infine, nel documento si chiede anche un adeguato stanziamento al ''fondo rimpatri'', di recente sostanzialmente azzerato con il decreto-legge n.120 del 2013, affinche' tale attivita' possa essere regolarmente proseguita. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech