domenica 04 dicembre | 05:48
pubblicato il 28/giu/2013 14:12

Immigrati: plauso a Kyenge per semplificazioni nel 'decreto del fare'

Immigrati: plauso a Kyenge per semplificazioni nel 'decreto del fare'

(ASCA) - Roma, 28 giu - L'Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci), Save the Children, e la Rete giovani generazioni-G2 esprimono in una nota ''apprezzamento per l'iniziativa portata avanti dalla Ministra Kyenge'' circa le novita' contenute nell'art. 33 del d.l. 69 (c.d. 'decreto del fare') in merito alla semplificazione del procedimento per l'acquisto della cittadinanza per lo straniero nato in Italia.

''Si tratta di un provvedimento - scrive Giacomo Bazzoni, presidente della commissione Affari sociali e welfare dell'Anci - che, a costo zero, permette con semplicita' e intelligenza di risolvere le tante difficolta' di ordine burocratico che fino ad oggi hanno ostacolato il percorso previsto dalla legge 91 del 1992, complicando inutilmente e iniquamente la vita a tanti ragazzi che hanno deciso di fare dell'Italia la loro nuova Patria''. '''Inoltre - sottolinea Bazzoni - la previsione nella nuova norma dell'obbligo, da parte degli Ufficiali di Stato civile di informare tempestivamente i ragazzi del loro diritto manifesta una particolare sensibilita' della Ministra verso gli aspetti piu' concreti della tematica. La scelta e' infatti una sostanziale istituzionalizzazione dei contenuti della Campagna ''18 anni ... in Comune', portata avanti a partire dal 2011 da Anci insieme a Save the Children e Rete G2, i cui esiti ci hanno confermato che quello dell'informazione tempestiva e corretta e' un nodo cruciale''. Citando '''l'ennesimo caso di discriminazione'' della bambina di orgine tunisine esclusa per questo dalle gare di nuoto, anche Raffaela Milano, direttore dei programmi Italia-Europa di Save the Children, ha espresso ''grande apprezzamento per le norme contenute nel ''decreto del fare' che portano a sistema l'iniziativa di sensibilizzazione e informazione gia' avviata volontariamente da tanti Comuni nell'ambito della Campagna promossa da ANCI, Rete G2 e Save the Children''.

Positivo anche il parere di Mohamed Tailmoun, portavoce della Rete G2 per il quale ''l'auspicio e' quello di arrivare presto ad una vera riforma della legge, che dia cittadinanza a tutte quelle seconde generazioni che restano ancora in attesa''.

com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari