domenica 11 dicembre | 07:00
pubblicato il 16/apr/2014 16:50

Immigrati: Meloni, venire in Italia non e' un diritto

Immigrati: Meloni, venire in Italia non e' un diritto

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - ''Per far fronte all'allarme immigrazione non basta di certo la vaga dichiarazione di intenti illustrata oggi dal ministro Alfano a nome del governo Renzi ma servono contromisure imponenti e un cambio di rotta. Tre le proposte di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale''. Innanzitutto ''chiarire con leggi adeguate che l'immigrazione non e' un diritto ma e' un contratto tra il cittadino straniero e lo Stato italiano. A fronte di una serie di diritti, l'Italia deve pretendere dall'immigrato il rispetto delle nostre leggi e della nostra cultura e che possa soggiornare solo se provvisto di un regolare permesso di soggiorno e di un contratto di lavoro che attesti che e' in grado di provvedere alla propria sussistenza''. E' quanto scrive il presidente nazionale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni, in un editoriale pubblicato sul sito www.fratelli-italia.it.

La seconda proposta, continua Meloni, chiede di ''intervenire in sede Ue per cambiare il regolamento Dublino 3 sui richiedenti asilo, che oggi scarica interamente questo problema sulle spalle delle Nazioni di frontiera. L'Italia deve chiedere che i richiedenti asilo, a prescindere dallo Stato di arrivo, siano distribuiti equamente tra tutti e 28 gli Stati membri e che i costi del loro mantenimento siano a carico dell'Ue e non dello Stato ospitante. Infine la terza: l'Italia pretenda dall'Europa la ''clausola della Nazione piu' esposta''. Visto che siamo una Nazione di frontiera - spiega l'ex ministro - sia previsto che l'Italia applichi automaticamente la normativa piu' restrittiva tra quelle in vigore nell'Unione Europea. Perche' mentre in Italia si allargano le maglie dell'immigrazione, le altre Nazioni europee applicano leggi sempre piu' severe. A cominciare dalla Germania che si accinge ad approvare una norma per espellere dai suoi confini i cittadini anche europei privi di lavoro da piu' di sei mesi''.

''Queste le nostre proposte - sottolinea Meloni - che si sono rese urgenti soprattutto dopo la folle abolizione del reato di clandestinita' sostenuta dalla maggioranza e da Ncd, insieme a Forza Italia e M5S. Lanciare il segnale che le porte dell'Italia sono aperte a chiunque, senza bisogno di permesso di soggiorno o contratto di lavoro e' stato un clamoroso errore. Basta demagogia, basta ipocrisia: l'Italia intervenga e corregga queste storture approfittando del semestre di presidenza Ue''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina