giovedì 23 febbraio | 13:40
pubblicato il 16/apr/2014 16:50

Immigrati: Meloni, venire in Italia non e' un diritto

Immigrati: Meloni, venire in Italia non e' un diritto

(ASCA) - Roma, 16 apr 2014 - ''Per far fronte all'allarme immigrazione non basta di certo la vaga dichiarazione di intenti illustrata oggi dal ministro Alfano a nome del governo Renzi ma servono contromisure imponenti e un cambio di rotta. Tre le proposte di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale''. Innanzitutto ''chiarire con leggi adeguate che l'immigrazione non e' un diritto ma e' un contratto tra il cittadino straniero e lo Stato italiano. A fronte di una serie di diritti, l'Italia deve pretendere dall'immigrato il rispetto delle nostre leggi e della nostra cultura e che possa soggiornare solo se provvisto di un regolare permesso di soggiorno e di un contratto di lavoro che attesti che e' in grado di provvedere alla propria sussistenza''. E' quanto scrive il presidente nazionale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni, in un editoriale pubblicato sul sito www.fratelli-italia.it.

La seconda proposta, continua Meloni, chiede di ''intervenire in sede Ue per cambiare il regolamento Dublino 3 sui richiedenti asilo, che oggi scarica interamente questo problema sulle spalle delle Nazioni di frontiera. L'Italia deve chiedere che i richiedenti asilo, a prescindere dallo Stato di arrivo, siano distribuiti equamente tra tutti e 28 gli Stati membri e che i costi del loro mantenimento siano a carico dell'Ue e non dello Stato ospitante. Infine la terza: l'Italia pretenda dall'Europa la ''clausola della Nazione piu' esposta''. Visto che siamo una Nazione di frontiera - spiega l'ex ministro - sia previsto che l'Italia applichi automaticamente la normativa piu' restrittiva tra quelle in vigore nell'Unione Europea. Perche' mentre in Italia si allargano le maglie dell'immigrazione, le altre Nazioni europee applicano leggi sempre piu' severe. A cominciare dalla Germania che si accinge ad approvare una norma per espellere dai suoi confini i cittadini anche europei privi di lavoro da piu' di sei mesi''.

''Queste le nostre proposte - sottolinea Meloni - che si sono rese urgenti soprattutto dopo la folle abolizione del reato di clandestinita' sostenuta dalla maggioranza e da Ncd, insieme a Forza Italia e M5S. Lanciare il segnale che le porte dell'Italia sono aperte a chiunque, senza bisogno di permesso di soggiorno o contratto di lavoro e' stato un clamoroso errore. Basta demagogia, basta ipocrisia: l'Italia intervenga e corregga queste storture approfittando del semestre di presidenza Ue''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech