martedì 28 febbraio | 00:19
pubblicato il 15/ott/2013 11:22

Immigrati: Mauro, 'Mare nostrum' con scopi umanitari e di sicurezza

Immigrati: Mauro, 'Mare nostrum' con scopi umanitari e di sicurezza

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''L'operazione e' cominciata, sono gia' operativi in quel braccio di mare degli assetti che normalmente non vengono impiegati, ci sono gia' piu' navi del solito''. Lo ha detto il ministro della Difesa, Mario Mauro, intervistato da Giovanni Minoli su Radio24 in merito all'operazione Mare Nostrum. Mauro ha precisato il carattere ''umanitario'' della missione, pur non essendo previsto il trasferimento di tutti i migranti intercettati sulle coste italiane, e precisato l'utilizzo esclusivamente a fini civili dei droni. ''A partire dal 18 ottobre - ha indicato il ministro - ci sara' anche una nave diversa, una unita' anfibia col compito di coordinare tutte le altre navi, 6 in tutto, della Marina militare, ognuna con equipaggi da 80 fino a 250 uomini, con elicotteri a lungo raggio''. Mauro ha quindi precisato che ''il compito della missione e' umanitario, ovvero salvare le vite umane. Ma anche di sicurezza, le navi hanno una doppia ragione di presenza: sono navi militari col compito di identificare anche le navi madri, utilizzate dagli scafisti. Quando vengono individuate le navi - ha indicato Mauro - procediamo a scortarle, vengono condotte al porto sicuro piu' vicino secondo le regole del diritto internazionale''.

In tale quadro, l'esponente del governo Letta ha illustrato come ''se non ci sono migranti che hanno bisogno di assistenza sanitari - in questo caso vengono trasferiti sulle nostre navi - e se il battello e' in condizioni di navigare, la nave viene scortata verso il porto piu' sicuro e piu' vicino, non necessariamente italiano''.

Sul fronte della traduzione dei costi in ulteriore pressione fiscale ''se ci riferiamo alla legge di stabilita' bisogna aspettare fino a domani'', ha indicato Mauro. ''In ogni caso - ha aggiunto - l'intenzione dell'esecutivo e' di non far pagare agli italiani nuove tasse''.

Infine, sull'impiego di droni nell'operazione ''Mare Nostrum'' il titolare della Difesa ha precisato che ''i droni vengono da tempo utilizzati anche per usi civili e non si prevede l'uso di dispositivi armati. Molto di quello che e' tecnologia militare viene poi impiegato in ambito civile. Non siamo in guerra, le forze armate italiane contribuiscono alla pace e alla stabilita', come prevede la nostra Costituzione'', ha concluso Mauro.

com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech