mercoledì 07 dicembre | 14:35
pubblicato il 15/ott/2013 11:22

Immigrati: Mauro, 'Mare nostrum' con scopi umanitari e di sicurezza

Immigrati: Mauro, 'Mare nostrum' con scopi umanitari e di sicurezza

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''L'operazione e' cominciata, sono gia' operativi in quel braccio di mare degli assetti che normalmente non vengono impiegati, ci sono gia' piu' navi del solito''. Lo ha detto il ministro della Difesa, Mario Mauro, intervistato da Giovanni Minoli su Radio24 in merito all'operazione Mare Nostrum. Mauro ha precisato il carattere ''umanitario'' della missione, pur non essendo previsto il trasferimento di tutti i migranti intercettati sulle coste italiane, e precisato l'utilizzo esclusivamente a fini civili dei droni. ''A partire dal 18 ottobre - ha indicato il ministro - ci sara' anche una nave diversa, una unita' anfibia col compito di coordinare tutte le altre navi, 6 in tutto, della Marina militare, ognuna con equipaggi da 80 fino a 250 uomini, con elicotteri a lungo raggio''. Mauro ha quindi precisato che ''il compito della missione e' umanitario, ovvero salvare le vite umane. Ma anche di sicurezza, le navi hanno una doppia ragione di presenza: sono navi militari col compito di identificare anche le navi madri, utilizzate dagli scafisti. Quando vengono individuate le navi - ha indicato Mauro - procediamo a scortarle, vengono condotte al porto sicuro piu' vicino secondo le regole del diritto internazionale''.

In tale quadro, l'esponente del governo Letta ha illustrato come ''se non ci sono migranti che hanno bisogno di assistenza sanitari - in questo caso vengono trasferiti sulle nostre navi - e se il battello e' in condizioni di navigare, la nave viene scortata verso il porto piu' sicuro e piu' vicino, non necessariamente italiano''.

Sul fronte della traduzione dei costi in ulteriore pressione fiscale ''se ci riferiamo alla legge di stabilita' bisogna aspettare fino a domani'', ha indicato Mauro. ''In ogni caso - ha aggiunto - l'intenzione dell'esecutivo e' di non far pagare agli italiani nuove tasse''.

Infine, sull'impiego di droni nell'operazione ''Mare Nostrum'' il titolare della Difesa ha precisato che ''i droni vengono da tempo utilizzati anche per usi civili e non si prevede l'uso di dispositivi armati. Molto di quello che e' tecnologia militare viene poi impiegato in ambito civile. Non siamo in guerra, le forze armate italiane contribuiscono alla pace e alla stabilita', come prevede la nostra Costituzione'', ha concluso Mauro.

com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni