sabato 25 febbraio | 12:37
pubblicato il 18/lug/2013 12:27

Immigrati: Marzano (Cnel), si' a cittadinanza per i figli nati in Italia

Immigrati: Marzano (Cnel), si' a cittadinanza per i figli nati in Italia

(ASCA) - Roma, 18 lug - ''Credo che vada riconosciuto il diritto di cittadinanza dei giovani stranieri nati in Italia che vanno a scuola e crescono e giocano insieme ai nostri figli''. Lo ha detto il presidente del Cnel, Antonio Marzano, intervenendo alla presentazione del Rapporto sugli indici di integrazione degli immigrati in Italia. ''Come possono questi bambini essere considerati stranieri?'', si e' infatti chiesto l'ex ministro del governo Berlusconi ed esponente di spicco del Pdl. Secondo Marzano, verso un riconoscimento ''in maniera realistica e fattibile'' dello Ius Soli, un primo passo ''potrebbe essere il riconoscimento del diritto di voto amministrativo a lavoratori, contribuenti, a volte imprenditori stanieri che possono aiutarci ad uscire dalla crisi'', ha concluso il presidente del Cnel. stt/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech