venerdì 20 gennaio | 11:46
pubblicato il 05/apr/2011 21:02

Immigrati/ Maroni: Siglato accordo tecnico, ok anche rimpatri

"Operazione non facile, sono soddisfatto"

Immigrati/ Maroni: Siglato accordo tecnico, ok anche rimpatri

Tunisi, 5 apr. (askanews) - Nell'accordo tecnico sottoscritto con il governo tunisino dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, è previsto "anche il rimpatrio dei cittadini dei due paesi in condizioni di irregolarità". Lo ha confermato lo stesso Maroni in una breve dichiarazione alla stampa dopo la firma dell'accordo. "Il valore di questo accordo - ha spiegato Maroni - consiste nella prevenzione dell'immigrazione clandestina, quello che, usando un'espressione un po' colorita, è 'chiudere il rubinetto', che è quello che intendiamo fare in cooperazione con le forze tunisine, fornendo loro attrezzature e mezzi tecnici in uno spirito di rinnovato accordo". Maroni non ha però aggiunto altri dettagli, né ha fornito cifre sulle dimensioni dei rimpatri né ha specificato da quando potranno iniziare i primi ritorni in Tunisia dei migranti arrivati in Italia. Il titolo dell'accordo tecnico, più precisamente "un processo verbale" recita: "Per rafforzare la cooperazione Italia e Tunisia per prevenire l'attraversamento illegale delle frontiere, per il contrasto all'immigrazione clandestina e per preservare le vite umane" di coloro che dalla Tunisia provano ad attraversare il Mediterraneo verso l'Italia. Maroni non si è diffuso nei dettagli dell'accordo, ha solo sottolineato che prevede anche il rimpatrio degli irregolari "nonché la fornitura di attrezzature e mezzi tecnici". Un accordo, ha spiegato ancora Maroni, che "è una parte, pur importante, degli impegni complessivi tra Italia e Tunisia: lo illustrerà domani mattina alla riunione di Palazzo Chigi dell'unità di crisi per affrontare e coordinare l'attuazione di questo accordo e di tutte le altre iniziative che l'Italia ha messo sul tavolo nella cooperazione con la Tunisia". Un'intesa che fa dire a Maroni di essere "soddisfatto: è stata un'operazione lunga, non facile. Ma ora la cooperazione è più intensa che in passato, bisognerà attuarla, ma qui ci sono tutti i presupposti e le iniziative per realizzare gli obiettivi che ci siamo posti, ovvero il contrasto ma anche la gestione dell'immigrazione in spirito di collaborazione con le autorità tunisine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale