sabato 03 dicembre | 01:29
pubblicato il 11/apr/2011 17:11

Immigrati/ Maroni: Mi chiedo se ha senso restare in Ue

Solidarietà Europa c'è per salvare banche,non per aiutare Italia

Immigrati/ Maroni: Mi chiedo se ha senso restare in Ue

Lussemburgo, 11 apr. (askanews) - "Mi chiedo se abbia un senso continuare a far parte dell'Ue": lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni a Lussemburgo, all'uscita dal Consiglio Affari interni dell'Ue, che ha discusso l'emergenza immigrazione, e approvato un documento conclusivo su cui l'Italia si è astenuta sostenendo che non ci sono "risposte di solidarietà concreta". "La linea che è uscita è che l'Italia deve fare da sola; è stato approvato un documento con la mia astensione che non prevede nessuna misura concreta", ha detto Maroni rispondendo brevemente ai cronisti all'uscita. Durante la crisi finanziaria, ha proseguito il ministro, "noi abbiamo espresso la nostra solidarietà alla Grecia, all'Irlanda, al Portogallo, ma di fronte a questa crisi sociale e geopolitica la risposta è: 'Cara Italia, sono affari tuoi'". "Noi abbiamo fatto e continueremo a fare - ha continuato Maroni - i pattugliamenti e i rimpatri, sono già partiti i primi due voli, abbiamo chiesto l'intervento della Commissione e domani il presidente Barroso soarà in Tunisia, e spero che ottenga risultati concreti. Ma per ora l'Italia è stata lasciata sola a fare quello che deve fare e che continuerà a fare. Mi chiedo se abbia un senso continuare a far parte dell'Ue che si attiva subito per salvare le banche e dichiarare la guerra, ma quando si deve esprimere solidarietà concreta a un paese come l'Italia si nasconde". Quanto all'avvertimento del Capo dello Stato a non fare ripicche sull'Europa, Maroni, rispondendo ai cronisti, ha osservato: "Certo che non si scherza con l'Europa, ma quando l'Italia chiede aiuto per i rimpatri, per i pattugliamenti, per bloccare i flussi, per fare investimenti in Tunisia, mi pare che qualcosa non funzioni: abbiamo fatto accordi bilaterali e aperto una linea di credito con la Tunisia da 150 milioni di euro, abbiamo fatto un accordo per i rimpatri, forniamo mezzi, auto, navi alla polizia tunisina, e siamo l'unico paese dell'Ue che si è attivato. Se la risposta è questa - ha concluso Maroni -, meglio soli che male accompagnati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari