mercoledì 22 febbraio | 05:07
pubblicato il 11/apr/2011 17:11

Immigrati/ Maroni: Mi chiedo se ha senso restare in Ue

Solidarietà Europa c'è per salvare banche,non per aiutare Italia

Immigrati/ Maroni: Mi chiedo se ha senso restare in Ue

Lussemburgo, 11 apr. (askanews) - "Mi chiedo se abbia un senso continuare a far parte dell'Ue": lo ha detto il ministro dell'Interno Roberto Maroni a Lussemburgo, all'uscita dal Consiglio Affari interni dell'Ue, che ha discusso l'emergenza immigrazione, e approvato un documento conclusivo su cui l'Italia si è astenuta sostenendo che non ci sono "risposte di solidarietà concreta". "La linea che è uscita è che l'Italia deve fare da sola; è stato approvato un documento con la mia astensione che non prevede nessuna misura concreta", ha detto Maroni rispondendo brevemente ai cronisti all'uscita. Durante la crisi finanziaria, ha proseguito il ministro, "noi abbiamo espresso la nostra solidarietà alla Grecia, all'Irlanda, al Portogallo, ma di fronte a questa crisi sociale e geopolitica la risposta è: 'Cara Italia, sono affari tuoi'". "Noi abbiamo fatto e continueremo a fare - ha continuato Maroni - i pattugliamenti e i rimpatri, sono già partiti i primi due voli, abbiamo chiesto l'intervento della Commissione e domani il presidente Barroso soarà in Tunisia, e spero che ottenga risultati concreti. Ma per ora l'Italia è stata lasciata sola a fare quello che deve fare e che continuerà a fare. Mi chiedo se abbia un senso continuare a far parte dell'Ue che si attiva subito per salvare le banche e dichiarare la guerra, ma quando si deve esprimere solidarietà concreta a un paese come l'Italia si nasconde". Quanto all'avvertimento del Capo dello Stato a non fare ripicche sull'Europa, Maroni, rispondendo ai cronisti, ha osservato: "Certo che non si scherza con l'Europa, ma quando l'Italia chiede aiuto per i rimpatri, per i pattugliamenti, per bloccare i flussi, per fare investimenti in Tunisia, mi pare che qualcosa non funzioni: abbiamo fatto accordi bilaterali e aperto una linea di credito con la Tunisia da 150 milioni di euro, abbiamo fatto un accordo per i rimpatri, forniamo mezzi, auto, navi alla polizia tunisina, e siamo l'unico paese dell'Ue che si è attivato. Se la risposta è questa - ha concluso Maroni -, meglio soli che male accompagnati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia