sabato 03 dicembre | 23:09
pubblicato il 05/apr/2011 22:36

Immigrati/ Maroni firma con Tunisi: Ora rimpatri e blocco

Per chi è già in Italia permesso soggiorno temporaneo

Immigrati/ Maroni firma con Tunisi: Ora rimpatri e blocco

Tunisi, 5 apr. (askanews) - "Svuotare la vasca e chiudere il rubinetto". Ovvero concedere il permesso di soggiorno temporaneo ai tunisini già in Italia, rendendoli liberi di muoversi in Europa e quindi di lasciare presumibilmente l'Italia; e poi attivare il pattugliamento delle coste tunisine, fornendo alla Tunisia motovedette e fuoristrada. E' la metafora usata anche dal ministro Roberto Maroni per descrivere la strategia di contrasto all'immigrazione irregolare, grazie all'accordo siglato a Tunisi con l'omologo Habib Essid. Un'intesa siglata dopo una trattativa estenuante: ieri la visita di Maroni con Silvio Berlusconi, poi il lavoro della commissione tecnica bilaterale, e oggi le oltre nove ore di confronto tra i due ministri degli Interni. Il risultato è l'accordo sullo status dei tunisini presenti in Italia: a loro sarà concesso il permesso di soggiorno temporaneo. Durerà tre mesi, e per questo lasso di tempo i possessori potranno muoversi liberamente in Europa: ma scaduti i tre mesi, se il Paese in cui si troveranno vorrà espellerli - spiegano fonti della delegazione italiana a Tunisi - torneranno nuovamente in Italia. Per chi arriverà invece dopo la firma del decreto del Presidente del Consiglio l'accordo prevede una procedura accelerata per il rimpatrio in Tunisia: basterà il riconoscimento di un agente consolare tunisino, senza le schede dattiloscopiche. Almeno, questa è la procedura individuata in quello che lo stesso Maroni definisce "processo verbale". Resterà da vedere se il meccanismo reggerà alla prova dei fatti e al ritmo dei nuovi arrivi. L'altro obiettivo è infatti, dopo aver "svuotato la vasca", provare a chiudere i rubinetti. Per riuscirci, l'Italia mette a disposizione 6 nuove motovedette, qualche centinaia di fuoristrada, e sta già rinnovando 7 motovedette in uso alle autorità tunisine. Maroni si dice "soddisfatto", al termine di una trattativa "lunga, non facile". Ma ora, rivendica il ministro, "la cooperazione è più intensa che in passato: bisognerà attuarla, ma qui ci sono tutti i presupposti e le iniziative per realizzare gli obiettivi che ci siamo posti, ovvero il contrasto ma anche la gestione dell'immigrazione in spirito di collaborazione con le autorità tunisine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Riforme
Referendum, Salvini cavalca no per battezzare destra trumpista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari