domenica 22 gennaio | 09:05
pubblicato il 12/mag/2014 18:30

Immigrati: Marazziti (PI), no a Europa-fortezza e Mediterraneo-cimitero

(ASCA) - Roma, 12 mag 2014 - ''La nuova tragedia del barcone affondato nel Canale di Sicilia, i nuovi corpi raccolti, che seguono quelli del barcone affondato davanti alle coste libiche, sono un peso per la coscienza europea. Ma c'e' il rischio che diventino routine e abitudine se non c'e' una risposta corale, che non lasci sola l'Italia nell'opera di soccorso e a fronteggiare il macabro populismo a buon mercato di chi vorrebbe anche interrotta l'azione di grande civilta' dell'operazione Mare Nostrum. Mare Nostrum ha salvato, da ottobre 2013, 20mila persone e ha permesso di arrestare 200 scafisti. Non si puo' interrompere, deve essere un impegno europeo, ma ancora non e' sufficiente. La gran parte di profughi che rischia la morte nel deserto e poi nel Mediterraneo viene da Paesi in guerra e di gravi violazioni di diritti umani, Somalia, Eritrea, Siria, o chi fugge conflitti locali e la destabilizzazione dei propri paesi. Non e' un fatto congiunturale ma un dato strutturale. Non e' immaginabile ne' una Europa-fortezza, ne' un Mediterraneo-cimitero''. Lo dichiara in una nota il deputato dei Popolari Per l'Italia e presidente del Comitato per i Diritti Umani della Camera, Mario Marazziti. ''Per questo - sottolinea Marazziti - condivido quanto ha detto il commissario Ue Cecilia Malmstrom invitando il prossimo Consiglio europeo a mettere al centro la necessita' di risposte nuove e di maggiore solidarieta' europea. E' necessario creare uffici di immigrazione europei sulla riva Sud del Mediterraneo, anticipare la richiesta di protezione presso le rappresentanze consolari e diplomatiche in Medio Oriente e nel Maghreb, per avviare viaggi sicuri e programmati, non in mano ai trafficanti di vite umane; e' da avviare la creazione di campi di prima accoglienza europei anche su territorio italiano per permettere l'asilo non solo nel paese di arrivo ma in tutti i paesi dell'Unione. E puo' essere avviata in sede Onu la corsia preferenziale per la creazione di campi Onu di accoglienza in Libia e in Tunisia e Marocco, per garantire condizioni di vita meno disperate e piu'' sicure, sotto responsabilita'' internazionale. L'Italia puo' portare queste proposte al tavolo europeo''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4