giovedì 08 dicembre | 22:07
pubblicato il 15/lug/2013 16:27

Immigrati: Letta vede premier maltese. E chiede nuove regole Ue

Immigrati: Letta vede premier maltese. E chiede nuove regole Ue

(ASCA) - Roma, 15 lug - L'Europa ''deve fare di piu''' sulle politiche migratorie, servono nuove regole europee'' per contrastare gli sbarchio clandestini: e' l'appello unanime, giunto a due anni dalle polemiche sollevate con la Primavera araba, lanciato dal presidente del Consiglio Enrico Letta e dal primo ministro maltese, Joseph Muscat, al termine di una riunione tenuta in mattinata a Roma.

''Abbiamo discusso innanzitutto del grande tema in Ue dei flussi migratori e delle politiche migratorie in Europa: l'Europa deve fare di piu' in quanto Europa sulle politiche migratorie'', ha affermato Letta nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine dell'incontro.

''Abbiamo discusso di alcune possibili iniziative - ha poi aggiunto -. Lunedi' 29 luglio io saro' ad Atene per incontrare il presidente Samaras e in quella occasione metteremo a punto i punti di congiunzione del semestre di presidenza dell'Unione europea, della Grecia nella prima parte del 2014 e dell'Italia nella seconda parte''. E il tema delle ''politiche migratorie'' sara' ''fondamentale''. Anche Malta ''verra' integrata in questa discussione, e' nostro partner naturale su questi temi e abbiamo molti punti di vista in comune'', ha proseguito Letta, ribadendo la volonta' del Governo di dare attuazione all'appello che il Papa ha lanciato a Lampedusa.

A fargli eco il primo ministro maltese, secondo cui servono ''nuove regole europee'' per contrastare l'immigrazione clandestina. Muscat ha giudicato la situazione ''insostenibile'', respingendo al mittente le accuse che lo ritraevano ''xenofobo'' in relazione alla politica sugli sbarchi implementata da La Valletta. ''Sono favorevole - ha dunque precisato - ad una societa' realmente interculturale, in cui gli immigrati possano sentirsi pienamente integrati. In base agli obblighi derivanti dalla legislazione Ue, tutte le persone che arrivano sul territorio comunitario possono presentare domanda d'asilo e hanno il diritto di vedere la loro situazione valutata adeguatamente. Ogni operazione di accoglienza e di rimpatrio deve rispettare queste condizioni.

La piccola isola del Mediterraneo ha visto arrivare sul suo territorio piu' di 1.200 migranti dall'inizio dell'anno.

In proporzione alla popolazione, Malta e' il Paese europeo con il maggior numero di domande d'asilo in Europa, con 21,7 domande ogni 1.000 abitanti. rba/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni