mercoledì 18 gennaio | 09:27
pubblicato il 15/lug/2013 16:27

Immigrati: Letta vede premier maltese. E chiede nuove regole Ue

Immigrati: Letta vede premier maltese. E chiede nuove regole Ue

(ASCA) - Roma, 15 lug - L'Europa ''deve fare di piu''' sulle politiche migratorie, servono nuove regole europee'' per contrastare gli sbarchio clandestini: e' l'appello unanime, giunto a due anni dalle polemiche sollevate con la Primavera araba, lanciato dal presidente del Consiglio Enrico Letta e dal primo ministro maltese, Joseph Muscat, al termine di una riunione tenuta in mattinata a Roma.

''Abbiamo discusso innanzitutto del grande tema in Ue dei flussi migratori e delle politiche migratorie in Europa: l'Europa deve fare di piu' in quanto Europa sulle politiche migratorie'', ha affermato Letta nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine dell'incontro.

''Abbiamo discusso di alcune possibili iniziative - ha poi aggiunto -. Lunedi' 29 luglio io saro' ad Atene per incontrare il presidente Samaras e in quella occasione metteremo a punto i punti di congiunzione del semestre di presidenza dell'Unione europea, della Grecia nella prima parte del 2014 e dell'Italia nella seconda parte''. E il tema delle ''politiche migratorie'' sara' ''fondamentale''. Anche Malta ''verra' integrata in questa discussione, e' nostro partner naturale su questi temi e abbiamo molti punti di vista in comune'', ha proseguito Letta, ribadendo la volonta' del Governo di dare attuazione all'appello che il Papa ha lanciato a Lampedusa.

A fargli eco il primo ministro maltese, secondo cui servono ''nuove regole europee'' per contrastare l'immigrazione clandestina. Muscat ha giudicato la situazione ''insostenibile'', respingendo al mittente le accuse che lo ritraevano ''xenofobo'' in relazione alla politica sugli sbarchi implementata da La Valletta. ''Sono favorevole - ha dunque precisato - ad una societa' realmente interculturale, in cui gli immigrati possano sentirsi pienamente integrati. In base agli obblighi derivanti dalla legislazione Ue, tutte le persone che arrivano sul territorio comunitario possono presentare domanda d'asilo e hanno il diritto di vedere la loro situazione valutata adeguatamente. Ogni operazione di accoglienza e di rimpatrio deve rispettare queste condizioni.

La piccola isola del Mediterraneo ha visto arrivare sul suo territorio piu' di 1.200 migranti dall'inizio dell'anno.

In proporzione alla popolazione, Malta e' il Paese europeo con il maggior numero di domande d'asilo in Europa, con 21,7 domande ogni 1.000 abitanti. rba/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa