giovedì 23 febbraio | 03:34
pubblicato il 18/feb/2014 20:14

Immigrati: Kyenge, rivedere l'impostazione dei Cie

(ASCA) - Torino, 18 feb 2014 - Rivedere l'impostazione dei Cie, sottolinea il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge a Torino dopo che il Consiglio comunale ha approvato ieri una mozione per la chiusura della struttura torinese di Corso Brunelleschi.

Si tratta di strutture, spiega il ministro a margine della presentazione del suo libro ''Ho sognato una strada'', che sono cambiate rispetto alla loro istituzione. La legge Turco-Napolitano prevedeva per loro aspetti molto amministrativi, per consentire l'identificazione delle persone in un tempo ridotto di 30 giorni, ma qui stiamo parlando della detenzione delle persone. Rivedere questo, ha osservato il ministro, ''significa rivedere anche tutto l'impianto della identificazione delle persone ma soprattutto la tipologia delle persone che sono all'interno. Non e' un tema che riguarda il mio ministero - ha aggiunto - ma e' un tema su cui posso collaborare con un contributo in termini di proposte''.

eg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech