domenica 26 febbraio | 13:30
pubblicato il 15/mag/2013 16:20

Immigrati: Kyenge, punire reati ma non speculare e fomentare l'odio

(ASCA) - Roma, 15 mag - ''Non esiste una equivalenza tra immigrazione e reati, ormai nessuno studio statistico avvalora questa tesi''. Lo ha sottolineato durante il question time alla Camera il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge rispondendo ad un'interrogazione della Lega Nord. Quanto all'aggressione di Milano, il ministro ha ribadito che ''e' giusto punire i reati, indipendentemente dal colore della pelle e dall'origine'' di chi li commette, ma non bisogna ''fomentare l'odio e speculare sul grave dolore delle famiglie colpite da eventi luttuosi''. Ad ogni modo, il ministro ha voluto esprimere ''le profonde e sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e mi unisco al cordoglio dell'Italia migliore''.

brm/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech