martedì 06 dicembre | 17:06
pubblicato il 15/mag/2013 16:20

Immigrati: Kyenge, punire reati ma non speculare e fomentare l'odio

(ASCA) - Roma, 15 mag - ''Non esiste una equivalenza tra immigrazione e reati, ormai nessuno studio statistico avvalora questa tesi''. Lo ha sottolineato durante il question time alla Camera il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge rispondendo ad un'interrogazione della Lega Nord. Quanto all'aggressione di Milano, il ministro ha ribadito che ''e' giusto punire i reati, indipendentemente dal colore della pelle e dall'origine'' di chi li commette, ma non bisogna ''fomentare l'odio e speculare sul grave dolore delle famiglie colpite da eventi luttuosi''. Ad ogni modo, il ministro ha voluto esprimere ''le profonde e sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e mi unisco al cordoglio dell'Italia migliore''.

brm/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Touchscreen e realtà aumentata: a Milano il supermarket del futuro
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni