lunedì 05 dicembre | 18:04
pubblicato il 10/ago/2013 14:24

Immigrati: Kyenge, cordoglio per vittime Catania. Ue si muova con forza

Immigrati: Kyenge, cordoglio per vittime Catania. Ue si muova con forza

(ASCA) - Roma, 10 ago - ''Voglio esprimere il mio cordoglio per la tragica perdita di vite umane di questa mattina a Catania, che richiama ancora una volta la necessita' che l'emergenza umanitaria venga affrontata in maniera piu' larga e condivisa da tutta la comunita' europea''. Lo afferma in una nota il ministro per l'Integrazione, Cecile Kyenge, sottolineando la ''palese urgenza'' di un ripensamento delle politiche di accoglienza dopo la morte di sei migranti questa mattina a Catania, annegati pochi metri prima di raggiungere a nuoto la spiaggia. ''Ma non solo'', afferma Kyenge nel ricordare che ''le persone che quotidianamente arrivano stremate sulle nostre coste, che giungono a noi sfidando il mare, fuggendo da guerre e privazioni o nella prospettiva di una speranza di vita migliore o di una occasione di riscatto, richiamano ciascuno ad una responsabilita' piu' ampia che ci parla di accoglienza e solidarieta'''.

''Il nostro paese - sottolinea, dunque, il Ministro - si sta prodigando con generosita' e mezzi per soccorrere i migranti in fuga dai paesi di origine. Le politiche di accoglienza che si stanno avviando attraverso il coordinamento interministeriale per la gestione dell'emergenza sbarchi, sono frutto di una analisi approfondita dei dati degli ultimi 10 anni e vogliono essere un contributo efficace alla situazione attuale: una situazione, pero', che non puo' essere solo gestita perche' e' palesemente urgente ripensare i meccanismi di controllo per conoscere, prevenire e, laddove e' possibile, evitare le cause di queste tragedie''. La titolare dell'Integrazione afferma di ritenere ''sempre piu' necessario avviare anche una forte pressione sull'Europa affinche' si mettano in campo reali ed efficaci politiche che permettano al nostro Paese di non essere solo nell'affrontare questa drammatica situazione. Il nostro ministero degli Interni - valuta Kyenge - si sta prodigando in tutti i modi mettendo in campo uomini e mezzi, cosi' come il ministero degli Esteri si sta relazionando con i paesi del nord Africa per monitorare i flussi in essere, rafforzando cosi' tali relazioni bilaterali''.

''Per far cio' - conclude il ministro per l'Integrazione - e' pero' necessario che ci si muova in Europa con determinatezza e forza, ed e' inoltre necessaria stabilita' e coerenza di comportamenti di tutto il governo e delle forze politiche''.

red-stt/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari