martedì 21 febbraio | 00:07
pubblicato il 09/lug/2013 18:14

Immigrati: Kyenge a Borghezio, io rappresento l'Italia

(ASCA) - Bruxelles, 9 lug - ''Io rappresento l'Italia''.

Cecile Kyenge mette a tacere Mario Borghezio, rispondendo a tutte le domande del deputato europeo. C'era attesa per la visita ufficiale del ministro dell'Integrazione in Parlamento europeo, piu' che altro per vedere cosa sarebbe successo tra la stessa Kyenge e Mario Borghezio, espulso dal gruppo parlamentare Efd proprio a causa del ministro italiano di origine congolese. Borghezio aveva salutato la nomina Kyenge con dichiarazioni offensive non gradite al gruppo in cui si colloca la Lega, e oggi per la prima volta dall'espulsione di Borghezio i due si sono ritrovati. Ci si attendevano parole forti dal deputato europeo eletto nelle liste della Lega, ma il suo intervento in commissione Liberta' civili e' stato pacato. ''Lei sa, in quanto persona molto competente, che molte persone emigrano nel nostro paese non per cercare lavoro ma con intenzioni di delinquere'', ha detto Borghezio.

In Aula ci si e' domandato se quella sottolineatura circa la competenza fosse un'uscita ironica oppure no, ma e' stata la seconda parte dell'intervento a innescare il dibattito con il ministro. Le persone che secondo Borghezio arriverebbero in Italia con l'intenzione di delinquere ''come le chiamiamo?'', ha domandato il deputato europeo. ''E cosa facciamo? Ci comportiamo come il suo paese di origine, dove le regole in tema di respingimento sono piu' severe?''. La risposta di Kyenge si e' fatta attendere giusto il tempo necessario per la fine di tutti gli interventi: ''Io sono un ministro dell'Italia e rappresento l'Italia. Per il Congo si rivolga al ministro del Congo''. Borghezio ha interrotto il ministro dell'Integrazione, gridando nell'aula che ''lei ha il doppio passaporto''.

Falso, la replica di Kyenge. ''Io ho una sola nazionalita' e un solo passapporto, quello italiano''. Quindi la replica finale del ministro dell'Integrazione. ''Se c'e' qualcuno che delinque ci pensa la legge'', ha detto in risposta a Borghezio. ''La violenza - ha concluso Kyenge - non ha colore ne' etnia''.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia