domenica 26 febbraio | 17:54
pubblicato il 11/lug/2014 12:59

Immigrati: Gigli (PI), Italia minacci stop info su impronte rifugiati

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - ''Apprezziamo l'impegno del Governo a chiedere all'Europa flessibilita' nell'applicazione del Regolamento di Dublino, che impone il principio del Paese di primo ingresso quale Paese a cui chiedere asilo politico.

Certamente una maggiore attenzione ai ricongiungimenti familiari e il mutuo riconoscimento dell'asilo tra gli Stati dell'Ue possono contribuire ad alleggerire la pressione che grava attualmente quasi solo sull'Italia, quale porta d'ingresso di tutti i rifugiati provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente. Ma se si vuole costringere gli altri Paesi europei ad assumersi le loro responsabilita', occorre avere il coraggio di minacciare anche il blocco della comunicazione delle impronte digitali di tutti i rifugiati che sbarcano in Italia''. Lo ha affermato in Aula il deputato dei Popolari Per l'Italia Gian Luigi Gigli, durante lo svolgimento delle interpellanze urgenti.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech