domenica 11 dicembre | 03:59
pubblicato il 11/lug/2014 12:59

Immigrati: Gigli (PI), Italia minacci stop info su impronte rifugiati

(ASCA) - Roma, 11 lug 2014 - ''Apprezziamo l'impegno del Governo a chiedere all'Europa flessibilita' nell'applicazione del Regolamento di Dublino, che impone il principio del Paese di primo ingresso quale Paese a cui chiedere asilo politico.

Certamente una maggiore attenzione ai ricongiungimenti familiari e il mutuo riconoscimento dell'asilo tra gli Stati dell'Ue possono contribuire ad alleggerire la pressione che grava attualmente quasi solo sull'Italia, quale porta d'ingresso di tutti i rifugiati provenienti dall'Africa e dal Medio Oriente. Ma se si vuole costringere gli altri Paesi europei ad assumersi le loro responsabilita', occorre avere il coraggio di minacciare anche il blocco della comunicazione delle impronte digitali di tutti i rifugiati che sbarcano in Italia''. Lo ha affermato in Aula il deputato dei Popolari Per l'Italia Gian Luigi Gigli, durante lo svolgimento delle interpellanze urgenti.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina