sabato 21 gennaio | 14:59
pubblicato il 25/lug/2013 12:22

Immigrati: Gal Senato presenta ddl, ius soli ma a partire dai 16 anni

Immigrati: Gal Senato presenta ddl, ius soli ma a partire dai 16 anni

(ASCA) - Roma, 25 lug - Il diritto di cittadinanza ai cittadini stranieri nati in Italia ma a partire dal sedicesimo anno di eta'. E' quanto prevede il disegno di legge presentato dai senatori del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', a prima firma di Laura Bianconi e sottoscritto da Mario Ferrara, Antonio Scavone, Giovanni Bilardi, Giovanni Mauro, Giuseppe Compagnone, Lucio Barani, Luigi Compagna e Paolo Naccarato. Il provvedimento intende modificare la legge in materia di cittadinanza (il secondo comma dell'art. 4, della legge 5 febbraio 1992, n. 91) ed e' composto da un solo articolo. ''Lo straniero nato in Italia - si legge nel provvedimento - diviene cittadino: a) se, al raggiungimento dei sedici anni, abbia risieduto legalmente senza interruzioni nel territorio della Repubblica; b) se, al raggiungimento della maggiore eta', dichiari di voler acquistare la cittadinanza italiana e, a tale data, risieda legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica''. Dunque, la proposta e' volta - si legge in una nota - ad introdurre l'acquisto della cittadinanza italiana secondo il principio dello ius soli, sganciandolo dall'elemento volontaristico e anticipandone l'operativit a'. Si vuole pero' evitare che il semplice fatto di nascere in Italia possa comportare automaticamente l'acquisto della cittadinanza, ipotesi di ius soli puro, che non e' previsto in alcun paese europeo e che comporterebbe grossi problemi, specie se il nucleo familiare non e' stabile o e' da poco tempo in Italia. Invece, essere italiani al sedicesimo anni di eta', spiegano i senatori nella relazione introduttiva al ddl, ''potrebbe comportare benefici in relazione allo svolgimento di attivita' lavorative in Italia (concorsi pubblici o svolgimento del servizio militare)''. Infine, il nuovo articolato prevede che i procedimenti amministrativi di concessione della cittadinanza, ovvero le dichiarazioni di inammissibilita', siano conclusi entro 60 giorni dalla data di presentazione della istanza. com-ceg/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4