martedì 24 gennaio | 14:55
pubblicato il 10/apr/2011 18:18

Immigrati/ D'Alema attacca Berlusconi. Calderoli: Via dal Libano

Il ministro: "Lo proporrò al Cdm per reperire risorse"

Immigrati/ D'Alema attacca Berlusconi. Calderoli: Via dal Libano

Roma, 10 apr. (askanews) - L'emergenza-immigrati continua a dominare il dibattito politico italiano e se l'opposizione, in particolare con Massimo D'Alema, attacca il premier per aver paventato una fine dell'Ue in caso di mancata solidarietà sui rifugiati, il ministro della Lega alla Semplificazione Roberto Calderoli rilancia con una proposta che farà ulteriormente alzare le polemiche: ritirare il contingente italiano dal Libano per reperire uomini e mezzi con i quali fermare gli immigrati. E Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha ribadito: "Noi continuiamo a sollecitare l'Unione Europea affinchè comprenda che la questione immigrazione che abbiamo di fronte non è solo una questione economica ma soprattutto una questione politica". E' stato Massimo D'Alema, questa mattina, ad usare il sarcasmo su Silvio Berlusconi: "Io penso che se se ne andasse lui non sarebbe rimpianto da nessuno... Il livello di discredito di cui gode il nostro Paese a causa sua è veramente impressionante". Il presidente del Copasir peraltro, sapendo che il capo dello Stato non apprezza divisioni su questo tema, ha precisato: "Se ha ragione Napolitano nel chiedere più Europa, bisogna dire che il Governo italiano non ha le carte in regola per unirsi a questo coro". Allo stesso modo, Gianfranco Fini e Pier Ferdinando Casini hanno bocciato la linea del governo. "C'è una ragione se si è poco credibili nei momenti difficili", ha detto Fini, criticando l'esecutivo e la maggioranza. "Dobbiamo fare in modo che l'Italia sia rispettata e rispettabile a partire dall'azione del governo e smetterla con certe improvvisazioni". E per Casini "il problema è che non abbiamo una politica sull'immigrazione, siamo isolati dall'Europa e le isterie della Lega non hanno certo risolto i problemi, anzi li hanno accentuati". Parole che, secondo la maggioranza, dimostrano lo scarso senso della patria delle opposizioni: "Vediamo che l'onorevole D'Alema dà la sua copertura al comportamento del tutto sbagliato di alcuni Stati europei i quali possono cosi godere del sostegno di una parte dell'opposizione che gioca contro gli interessi del suo Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4