lunedì 05 dicembre | 20:00
pubblicato il 12/ott/2013 11:04

Immigrati: Cgil, orrore senza fine. Subito corridoio umanitario

(ASCA) - Roma, 12 ott - ''L'orrore non ha fine. Siamo davanti ad una catastrofe umanitaria e ancora, dopo giorni di solenni dichiarazioni di buone intenzioni, bambini, donne e uomini che fuggono da guerre e violenze continuano a morire in mare.

Morti che avvengono sotto gli occhi di un'Europa incapace di assumere responsabilita', tesa com'e' a parlare di frontiere da rafforzare, come se nel Mediterraneo si potesse alzare un muro che impedisca di far passare la disperazione umana''. Lo afferma il segretario confederale della Cgil, Vera Lamonica, in merito all'ennesimo tragico naufragio di migranti nel canale di Sicilia.

''Ora bisogna agire e bisogna farlo con l'urgenza che in genere si dedica alle operazioni militari - continua la dirigente sindacale -. Far partire subito un corridoio umanitario per non lasciare nelle mani degli scafisti senza scrupoli rifugiati e richiedenti asilo che hanno diritto alla protezione internazionale e non hanno alcun canale legale per lasciare i luoghi di sofferenza da cui provengono''. Per Lamonica c'e' bisogno di ''pensare ai vivi e non scaricare solo su Lampedusa l'onere di un'accoglienza che l'isola non sopporta piu'. Le persone sbarcate non possono piu' dormire sotto la pioggia in condizioni indegne, e' tutto il Paese che deve farsi carico di un'accoglienza civile, ma questa va organizzata per piccoli gruppi in tutto il territorio nazionale, facendo appello immediatamente alla solidarieta' e contemporaneamente alla definizione di un piano strutturato che duri nel tempo''.

Inoltre, aggiunge il segretario confederale Cgil, ''si superino, anche con decreto, gli impedimenti normativi che impediscono e rallentano le necessarie decisioni. Per chi in una condizione come questa non riesce a vedere altro che le proprie fortune elettorali e per coloro che ripropongono un impianto culturale e normativo fondato sulla inefficace e ottusa idea delle invasioni da respingere oggi c'e' una sola parola: vergogna'', conclude Lamonica.

com/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari