domenica 04 dicembre | 11:25
pubblicato il 14/apr/2011 12:16

Immigrati/ Castelli: Confermo parola per parola ogni cosa detta

Bisogna fermare invasione illegali prima che sia troppo tardi

Immigrati/ Castelli: Confermo parola per parola ogni cosa detta

Praga, 14 apr. (askanews) - "Stanno distruggendo navi, devastando centri di accoglienza, bisogna fermarli prima che sia troppo tardi". Alla inaugurazione della stazione centrale di Praga, dove è atteso il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il Viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli, per sua stessa sottolineatura, "conferma parola per parola" quanto detto sugli immigrati e sul rischio che prima o poi si debba ricorrere a respingimenti armati dalle coste italiane. Sugli arrivi illegali sulle coste italiane - ha risposto Castelli ai giornalisti- ho detto una banalità, ma poichè è una cosa contro il politicamente corretto, ha scatenato il putiferio. Io ho controllato ciò che avevo detto e lo confermo Ho detto che occorre prevenire, rimandare indietro chi arriva in modo illegale, perchè non vorrei che si arrivasse mai a sparare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari