martedì 24 gennaio | 19:14
pubblicato il 27/dic/2013 10:31

Immigrati: Caritas-Acli-Astalli, superare la Bossi-Fini e i Cie

Immigrati: Caritas-Acli-Astalli, superare la Bossi-Fini e i Cie

(ASCA) - Roma, 27 dic - Superare la legge Bossi-Fini ed i Centri di identificazione e espulsione (Cie) ''indegni di un Paese democratico'', passando per la concessione della cittadinanza ai figli dei migranti, per l'istituzione di un garante nazionale per i rifugiati e per il maggiore coinvolgimento del terzo settore nella macchina dell'accoglienza. Sono queste le proposte per far fronte all'emergenza immigrazione avanzate da Caritas, Acli e Centro Astalli dalle pagine del quotidiano 'Avvenire', nel giorno in cui riprende, dopo l'interruzione per Natale, lo sciopero della fame da parte di alcuni ospiti del Cie di Ponte Galeria (a Roma) al fine di poterlo lasciare al piu' presto.

Con i 42.000 arrivi censiti dal Viminale nel 2013, rispetto ai 13mila arrivi del 2012 le cifre sono piu' che triplicate, anche se ancora inferiori ai 62.700 del 2011. ''Una conferma che non si puo' piu' parlare di stagione degli sbarchi, ma di arrivi continui'', afferma Oliviero Forti, responsabile immigrazione della Caritas nazionale.

''Percio' - prosegue - chiediamo che resti separata dall'emergenza la gestione dello Sprar, che puo' contare su 16mila posti per la seconda accoglienza. Occorre invece rafforzare conivolgendo il Terzo settore la prima accoglienza per evitare situazioni intollerabili nel centro di Lampedusa.

Le Caritas diocesiane possono offrire un migliaio di posti''.

Stessa la linea di Caritas e Acli in merito ai Cie: ''Vanno superati''.

''I Cie - sostiene Antonio Russo, responsabile nazionale immigrazione delle Associzione cristiane lavoratori italiani - sono indegni di un paese demcoratico, si sono rivelati un flop dal punto di vista umanitario e pratico, con spreco di denaro pubblico. Cambiamo subito la legge sull'immigrazione'', conclude Russo.

Condivide padre Giovanni La Manna, gesuita e presidente del Centro Astalli di Roma: ''Partiamo - afferma - dalla revisione della Bossi-Fini: con un sistema legislativo dignitoso si avra' un sistema di accoglienza dignitoso''. Due le proposte per l'immediato''. ''A Lampedusa - prosegue - ha fallito il sistema di controllo della prefettura locale.

Allora - sostiene La Manna - rafforziamo le verifiche con un garante nazionale per i rifugiati. Poi diamo la cittadinanza ai figli dei migranti''.

red-stt/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4