domenica 22 gennaio | 07:02
pubblicato il 23/apr/2014 14:24

Immigrati: Bubbico, necessario superare regole Dublino III

(ASCA) - Roma, 23 apr 2014 - ''E' molto ragionevole pensare che i migranti sappiano che Pozzallo e l'Italia siano solo una tappa. Per questo motivo bisogna cambiare le regole di Dublino III''. A parlare e' il viceministro degli Interni e senatore Pd Filippo Bubbico che, ai microfoni di 24 Mattino, su Radio 24 chiede di modificare il regolamento Ue sul diritto di asilo. Secondo le norme vigenti, infatti, lo Stato membro responsabile dell'esame dell'istanza e' quello in cui e' avvenuto l'ingresso, regolare o meno, del richiedente asilo. ''Tutto cio' determina le difficolta' di accertamento dell'identita' dei migranti in arrivo. Se vengono identificati in Italia e viene loro riconosciuto lo stauts di asilanti, non possono piu' muoversi sul suolo europeo, mentre invece spesso cercano di ricongiungersi a parenti o comunita' di amici che risiedono in centro e Nord Europa con ogni mezzo. Ed e' per questo che le presenze di stranieri in Italia non corrispondono agli stranieri che arrivano.

Superare Dublino III significa consentire il trasferimento legale di queste persone, evitando di esporli a un percorso rischioso di viaggio. E' un problema che va affrontato e risolto''. Il viceministro parla poi di Mare nostrum e della gestione dei migranti sul territorio italiano: ''L'operazione Mare nostrum e' un'iniziativa condivisa con l'Unione Europea e non solo e' servita ad evitare nuove tragedie come quella di Lampedusa ma deve essere anche lo strumento per approntare una politica comunitaria sulla gestione di questi flussi. Non c'e' nessuna improvvisazione nella gestione dei migranti perche' le prefetture agiscono nel quadro di un orientamento garantito su tutto il territorio nazionale e la politica praticata e' quella della distribuzione, per rendere sostenibile la presenza di questi stranieri. Abbiamo la massima considerazione per la sicurezza dei cittadini italiani. Non v'e' dubbio, poi, che gli arrivi non sono programmabili. Facciamo delle stime sui flussi e cerchiamo di contenere le partenze. L'obiettivo fondamentale - conclude a Radio 24 - e' bloccare i trafficanti di morte, ovvero quanti organizzano trasferimenti con mezzi impropri, esponendo i migranti a naufragi e a morte sicura''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4