martedì 21 febbraio | 11:24
pubblicato il 14/feb/2013 16:53

Immigrati: Bersani, inammissibile chi perde lavoro diventa clandestino

Immigrati: Bersani, inammissibile chi perde lavoro diventa clandestino

(ASCA) - Roma, 14 feb - ''E' inammissibile che un immigrato che perde il lavoro poi perda anche la carta di soggiorno e diventi clandestino. Non e' umano''. Cosi' Pier Luigi Bersani, segretario del Pd e candidato premier, in occasione di un incontro con la ong 'ActionAid' e il free press 'Metro', risponde ad una domanda sul tema della cittadinanza agli immigrati, posta da un lettore del giornale.

''Si e' attenuata la campagna anti immigrati di qualche tempo fa. Non e' un bel segnale questo, significa che il lavoro non c'e''', spiega ancora Bersani, secondo cui ''per integrare gli immigrati e' fondamentale insegnare la lingua perche' la rivoluzione deve essere culturale ed e' dalla scuola che parte tutto''. E ancora sul tema della cittadinanza, il segretario del Pd ha affermato: ''I bimbi che studiano con i nostri figli non si sa se sono italiani o immigrati. E' davvero inammissibile.

I bambini nati in Italia devono essere italiani''.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia