sabato 03 dicembre | 17:05
pubblicato il 11/ott/2013 20:11

Immigrati: Bernini (Pdl), barconi della morte tragedia infinita

Immigrati: Bernini (Pdl), barconi della morte tragedia infinita

(ASCA) - Roma, 11 ott - ''Troppa demagogia, troppa retorica, troppa superficialita' nei messaggi che la sinistra e i grillini hanno mandato e stanno continuando a mandare in questi giorni alle popolazioni nordafricane. L'annuncio della possibile cancellazione del reato di immigrazione clandestina rischia di provocare nuovi afflussi di migranti e alimentare di fatto illusioni e la tratta di esseri umani''. Lo dichiara in una nota Anna Maria Bernini, senatrice e portavoce vicario del Pdl, che aggiunge: ''Il barcone naufragato questa sera e' un altro terribile esempio di questa tragedia infinita. I partiti, le associazioni e soprattutto le istituzioni, a cominciare dal ministro per l'Integrazione, Cecile Kyenge e dal presidente della Camera, Laura Boldrini, siano prudenti nelle loro pubbliche prese di posizione per evitare di aggravare, contro la loro stessa volonta', una situazione che e' gia' pericolosa e drammatica''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari