sabato 10 dicembre | 02:26
pubblicato il 29/mar/2011 21:10

Immigrati/ Berlusconi prova a limitare danni e va a Lampedusa

Oltre a emergenza teme danno immagine anche pensando a elezioni

Immigrati/ Berlusconi prova a limitare danni e va a Lampedusa

Roma, 29 mar. (askanews) - La necessità di bilanciare accoglienza e fermezza. Una emergenza che si aggrava di ora in ora. Tante ricette sul tavolo, dal risarcimento per chi torna in patria alla ripartizione su base regionale dei profughi. E, come da giorni insiste la maggioranza, la distizione tra profughi e clandestini. Siccome nel pomeriggio di oggi il governo era ancora lontano dall'avere sciolto questi nodi, la decisione è stata quasi obbligata: rinvio del consiglio dei ministri, vertice di governo serale convocato in tutta fretta a Palazzo Grazioli e visita domani a Lampedusa del presidente del Consiglio. Il Cavaliere sarà sull'isola dell'emergenza intorno alle 13. Il programma non è ancora ufficiale, alcuni consiglieri del presidente del Consiglio gli avrebbero sconsigliato la visita. Ma Berlusconi, preoccupato della situazione e anche dell'immagine emergenziale che sta emergendo (anche in vista delle elezioni), avrebbe insistito per volare in Sicilia. Per preparare il consiglio dei ministri - slittato da domani alle 9.30 di giovedì - il premier ha convocato un vertice serale con i ministri competenti. E' invece slittata la riunione del Cavaliere con alcuni big del Pdl (La Russa, Gasparri e Corsaro) convocata per il tardo pomeriggio di oggi. Ma c'è anche un fronte interno ad agitare le giornate di Berlusconi. E' quello dei Responsabili, sempre più in sofferenza e pronti a reclamare quanto promesso loro in termini di posti di governo. Le previste nomine di Calearo, Bernini e Misiti, in agenda per domani, difficilmente si concretizzeranno. I deputati responsabili, spaccati al loro interno, reclamano quattro posti di sottogoverno. Ma sui nomi è ancora stallo, tanto che a sera non si era ancora tenuta la prevista riunione di Verdini con i rappresentanti della terza gamba della maggioranza. I segnali di fastidio si moltiplicano, mettendo a repentaglio la tenuta in Aula della maggioranza: oggi alla Camera il centrodestra è stato battuto su un provvedimento che disciplina l'attività edilizia. A breve, però, i deputati saranno chiamati a decidere sul conflitto di attribuzione e giustizia, materie rispetto alle quali non sono ammesse defezioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina