martedì 24 gennaio | 10:34
pubblicato il 10/ott/2013 15:08

Immigrati: Anci, aggiornare legge a cambiamenti fenomeno migratorio

(ASCA) - Roma, 10 ott - ''La tragedia di Lampedusa e prima ancora le raccomandazioni dell'Onu attraverso Unhcr evidenziano la necessita' di rendere sempre piu' cogente il principio fondamentale, alla base del trattato istitutivo dell'Ue, della protezione per chi si allontana dal proprio Paese perche' esposto al rischio di condizioni e trattamenti inumani e degradanti e del riconoscimento agli stranieri che soggiornano legalmente, ai rifugiati ed ai richiedenti asilo, il diritto di accesso alle prestazioni di sicurezza sociale, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali''. E' quanto dichiara Giorgio Pighi, Sindaco di Modena e Delegato Anci alla sicurezza e all'immigrazione.

'''Occorrono risorse e soprattutto una buona legge - aggiunge - e l'Anci, fortemente impegnata sulle politiche per l'accoglienza, invita il Parlamento a muoversi sul tema dei richiedenti asilo con assoluta priorita' valorizzando esclusivamente il merito dei problemi''.

'''A quindici anni dalla legge Turco Napolitano (1998) e ad undici anni dalle modifiche apportate dalla legge Bossi Fini (2002) - sottolinea Pighi - il fenomeno migratorio e' profondamente cambiato. Oggi la crisi economica fa si che ad arrivare siano soprattutto coloro che fuggono dalla guerra, e' per questo che oggi piu' che mai e' necessario adottare un approccio orientato ai diritti umani in grado di disciplinare il percorso migratorio in Italia: dall'intercettazione in mare, all'arrivo, all'accoglienza, alla definizione di strategie di inclusione sostenibile''.

'''Va in questa direzione - rileva - l'importante ampliamento dei posti di accoglienza del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati gestito dai Comuni, che passa da 3mila a 16mila posti. Un numero che permette davvero di parlare di ''Sistema Unico' sostenibile perche' basato su una rete capillare e diffusa in grado di contribuire al decongestionamento in tempi brevi delle aree di sbarco e quindi al miglioramento delle condizioni di accoglienza''. '''Cambiare la legge sull'immigrazione dopo 11 anni - conclude il Delegato Anci - non deve essere un tabu' e, ovviamente, nemmeno un totem. E' soltanto una necessita' impellente per tutti coloro che hanno diritto ad essere tutelati e accolti, oltre che per l'Europa e per il Paese e, in particolare, per i Comuni che sono in grave difficolta' in mancanza di strumenti per rispondere alle nuove esigenze dei rifugiati e dei minori stranieri non accompagnati''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4