domenica 11 dicembre | 11:30
pubblicato il 10/ott/2013 15:08

Immigrati: Anci, aggiornare legge a cambiamenti fenomeno migratorio

(ASCA) - Roma, 10 ott - ''La tragedia di Lampedusa e prima ancora le raccomandazioni dell'Onu attraverso Unhcr evidenziano la necessita' di rendere sempre piu' cogente il principio fondamentale, alla base del trattato istitutivo dell'Ue, della protezione per chi si allontana dal proprio Paese perche' esposto al rischio di condizioni e trattamenti inumani e degradanti e del riconoscimento agli stranieri che soggiornano legalmente, ai rifugiati ed ai richiedenti asilo, il diritto di accesso alle prestazioni di sicurezza sociale, conformemente al diritto comunitario e alle legislazioni e prassi nazionali''. E' quanto dichiara Giorgio Pighi, Sindaco di Modena e Delegato Anci alla sicurezza e all'immigrazione.

'''Occorrono risorse e soprattutto una buona legge - aggiunge - e l'Anci, fortemente impegnata sulle politiche per l'accoglienza, invita il Parlamento a muoversi sul tema dei richiedenti asilo con assoluta priorita' valorizzando esclusivamente il merito dei problemi''.

'''A quindici anni dalla legge Turco Napolitano (1998) e ad undici anni dalle modifiche apportate dalla legge Bossi Fini (2002) - sottolinea Pighi - il fenomeno migratorio e' profondamente cambiato. Oggi la crisi economica fa si che ad arrivare siano soprattutto coloro che fuggono dalla guerra, e' per questo che oggi piu' che mai e' necessario adottare un approccio orientato ai diritti umani in grado di disciplinare il percorso migratorio in Italia: dall'intercettazione in mare, all'arrivo, all'accoglienza, alla definizione di strategie di inclusione sostenibile''.

'''Va in questa direzione - rileva - l'importante ampliamento dei posti di accoglienza del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati gestito dai Comuni, che passa da 3mila a 16mila posti. Un numero che permette davvero di parlare di ''Sistema Unico' sostenibile perche' basato su una rete capillare e diffusa in grado di contribuire al decongestionamento in tempi brevi delle aree di sbarco e quindi al miglioramento delle condizioni di accoglienza''. '''Cambiare la legge sull'immigrazione dopo 11 anni - conclude il Delegato Anci - non deve essere un tabu' e, ovviamente, nemmeno un totem. E' soltanto una necessita' impellente per tutti coloro che hanno diritto ad essere tutelati e accolti, oltre che per l'Europa e per il Paese e, in particolare, per i Comuni che sono in grave difficolta' in mancanza di strumenti per rispondere alle nuove esigenze dei rifugiati e dei minori stranieri non accompagnati''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina